Diamo il via alla nuova e intensa ondata di caldo africano 🌡️🔥

Previsioni per oggi, Sabato 24 Luglio 2021.
Diamo il via alla nuova e intensa ondata di caldo africano della stagione in corso, quella che secondo molti sarebbe stata fresca, temporalesca e stile 1816. Dopo questa digressione affermiamo che da oggi l’alito africano ricomparirà sulle nostre regioni centro meridionali, dopo una pausa relativa di una settimana. In realtà già da ieri le temperature sono aumentate, ma possiamo dire che da oggi inizierà la nuova escalation, con punte di 37-38 gradi.

Caldo anche al nord, ma con instabilità sulle Alpi, a causa di una bassa pressione sul golfo di Biscaglia, la quale, apporterà piogge e temporali sulle nazioni occidentali, con temperature in calo; qualche temporale anche in Turchia. Con questo vi saluto e vi auguro una buona e infuocata giornata e a risentirci.
Mappe: moloch.it.

A cura di Francesco Loparco

Please follow and like us:
0

LA TEMPERATURA MASSIMA

A cura di Ludovico Oberti e Lorenzo Colangelo

La temperatura massima rappresenta un momento nella giornata in cui il valore termico raggiunge il massimo potenziale.
La temperatura massima può essere raggiunta per poche decine di minuti, specie d’inverno nelle giornate serene, o per alcune ore; in quest’ultimo caso accade più frequentemente nella stagione estiva dove la maggior irradiazione solare tende ad accumulare calore sulla superficie. Qualche volta accade che la
T massima si registri di notte o di mattina presto per via di correnti favoniche che riscaldano l’aria per compressione adiabatica. Anche il repentino cambio della massa d’aria può far registrare la temperatura massima di notte o al contrario, in caso di aria molto fredda, la minima in pieno giorno.
Comunque sia quando sentiamo dai media che in una determinata località si è arrivati a toccare i 40 gradi, ciò non significa che lo stesso valore stazioni in loco per tutta la giornata ma solo per un determinato tempo.

Please follow and like us:
0

Si rinforza l’alta pressione africana sull’Italia 🌡️

Previsioni per oggi, Venerdì 23 Luglio 2021.
Si rinforza l’alta pressione africana nel Mediterraneo, con caldo in deciso aumento ora su isole maggiori e versante tirrenico, ma che poi, entro domani avvolgerà nuovamente tutto il centro sud, dando inizio alla nuova intensa ondata di caldo: quindi la pausa più ‘fresca’ e temporalesca è durata una settimana, giusto il tempo per far rifiatare e prendere fiato.

Ai lati dell’alta pressione, due basse pressioni: una sul golfo di Biscaglia, la quale potrà arrecare piogge e temporali intensi in Francia e Bretagna, dove è stato emesso il livello 2 di criticità; l’altra tra mar nero e Russia meridionale, dove ci potranno essere delle forti piogge.

Temperature in aumento sulla nostra penisola, con punte superiori ai 35 gradi; caldo anche nel resto d’Europa. Con questo vi saluto e vi auguro una buona giornata e a risentirci.
Mappe: meteociel.fr, moloch.it.

A cura di Francesco Loparco

Please follow and like us:
0

Alta pressione africana a pieno regime nel mediterraneo.

Previsioni per oggi, Giovedì 22 Luglio 2021.
Alta pressione africana a pieno regime nel mediterraneo, ma, per il momento, con temperature calde si, ma nelle medie del periodo al sud, interessato per un mese dalla calura estrema; adesso il caldo estremo interessa la Spagna e la Turchia, mentre il caldo intenso il centro nord. La situazione però da domani e Sabato tenderà a diventare di nuovo caldo intenso ed estremo per il centro sud, a causa dello spostamento dell’asse di fuoco. Intanto per oggi non mancheranno cenni di instabilità lungo le Alpi e Appennini.

Alta pressione su quasi tutta Europa; piogge probabilmente intense tu mar nero, Ucraina e Russia meridionale. Con questo vi saluto e vi auguro una buona giornata e a risentirci.

A cura di Francesco Loparco

Please follow and like us:
0

IL LAGO DI GARDA🌊

A cura di Lorenzo Colangelo, Andri Thana, Alessio Macerola.
🌊IL LAGO DI GARDA🌊
Il lago di Garda, situato tra Lombardia,Veneto e Trentino Alto Adige, è compreso nelle rispettive provincie di Brescia, Verona e Trento. Esso è il lago più grande d’Italia con una superficie di ben 368km2, ed ha come immissario principale il fiume Sarca, mentre come emissario il Mincio.
Il lago ha una forma allungata da nord verso sud; a settentrione troviamo le prealpi, mentre a sud è circondato da colline con un’orografia più pianeggiante.
La fossa tettonica che contiene il bacino del lago, insieme alle montagne che lo circondano, sono databili a circa 35 milioni di anni fa.
In quell’era di modellamento della crosta terrestre, il ripiegamento delle rocce fluide, oltre che a generare il profondo letto del lago, ha nello stesso tempo determinato l’innalzamento della sua cornice montagnosa.

Il lago di Garda si trova a un’altitudine di 65m sul livello del mare e presenta una profondità massima di ben 346m.
Una curiosa particolarità è la presenza di una piccola penisola sulla sponda bresciana, precisamente nella cittadina di SIRMIONE, infatti questa piccola penisola si allunga verso l’interno del lago dove si può intravedere acqua da tutte le sponde.
Nel lago sono presenti anche 5 piccole isolette, ma di dimensioni molto ridotte: l’isola del Garda, l’isola di san Biagio, l’isola degli olivi, l’isola del sogno e l’isola del trimelone.

La presenza del lago influenza abbastanza il clima di quelle aree, poiché rispetto alla pianura padana si presenta più fresco e ventilato in estate ma con inverni più miti, dato che qualche grado in più delle zone vicine di pianura in tale stagione c’è sempre. Anche la nebbia viene a mancare spesso quando, ad esempio, a pochi km più a sud del lago essa persiste e avvolge le cittadine più distanti.
Salendo verso nord si va verso le zone montuose più alte, ma le caratteristiche climatiche rimangono piuttosto simili alla parte meridionale del lago.
La temperatura media delle sue acque superficiali è di 12 gradi, ma naturalmente varia di molto durante l’arco dell’anno.
In inverno il valore minimo arriva fino a 6 gradi , mentre in estate nei periodi più caldi può raggiungere anche i 26 gradi.

Please follow and like us:
0

IN ARRIVO UNA NUOVA ONDATA DI CALDO.

Anticiclone africano che tornerà a rinforzarsi sul Mediterraneo.

Dopo un breve periodo di assenza, dovuto all’affondo di una goccia fresca ed instabile sulle regioni del centro-sud Italia, l’alta pressione è pronta nuovamente ad affacciarsi sui settori del Mediterraneo.

In un primo momento, o almeno fino a venerdì, non vi saranno picchi esagerati di temperatura, grazie alla momentanea assenza del flusso africano. Tuttavia non sono escluse punte di 36/37 su Emilia, Lazio e Sardegna. Altrove le temperature si manterranno più clementi.

Da sabato, però, l’anticiclone supportato da aria molto calda dal Nord Africa, subirà un ulteriore rinforzo verso nord-est, avvantaggiato da una perturbazione sul Golfo di Biscaglia,. Ne deriverà un’ulteriore impennata termica sia in quota che al suolo, con temperature over 40 gradi sulle regioni meridionali, under 40 sulle regioni centrali ( 36-38 diffusi) mentre le regioni settentrionali rimarranno sul bordo della lingua rovente, soggetto ad infiltrazioni fresche atlantiche. Ciò comporterà un aumento dell’instabilità.
A metà settimana, successivamente, la calura africana potrebbe subire una parziale attenuazione anche verso sud (da valutare).

Giacomo De Gregorio.

Please follow and like us:
0

Passata l’azione della goccia fredda, pressione atmosferica in aumento.

Buongiorno. Previsioni per oggi, Martedì 20 Luglio 2021.
Passata l’azione della goccia fredda, pressione in aumento, con il ritorno del bel tempo, anche se, non mancheranno insidie instabili, specialmente sulle Alpi, Appennini, zone interne del sud, basso Salento e zone interne di Sicilia e Sardegna: dovrebbero trattarsi comunque di temporali meno forti e più isolati.

Temperature in aumento e clima molto più caldo rispetto ai giorni scorsi. Alta pressione su ovest Europa, ma con lievi cenni di instabilità; instabilità temporalesca un po’ più consistente su est Europa. Con questo vi saluto e vi auguro una buona giornata e a risentirci.
Mappe: meteociel.fr, moloch.it

A cura di Francesco Loparco

Please follow and like us:
0

Martedì 20 luglio🔔 🟠 Allerta ARANCIONE per rischio temporali, rischio idraulico e rischio idrogeologico sulla Puglia nord-orientale🔔 🟡 Allerta GIALLA per rischio temporali e rischio idrogeologico sul resto della regione.

Previsioni meteo per domani, martedì 20 luglio 2021

Precipitazioni: isolate, a carattere di rovescio o temporale ad evoluzione diurna, su Campania meridionale, resto del Sud peninsulare e Sicilia nord-orientale, con quantitativi cumulati generalmente deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: in sensibile aumento nei valori massimi sul Centro-Sud.

Venti: in seratalocalmente forti settentrionali sulla Puglia meridionale.

Mari: nessun fenomeno significativo.

Fonte :dipartimento protezione civile nazionale

Please follow and like us:
0

LE ALLUVIONI LAMPO COME QUELLA DEL GARGANO DI OGGI ⛈️

19 luglio 2021
LE ALLUVIONI LAMPO COME QUELLA DEL GARGANO DI OGGI ⛈️
Le alluvioni lampo come quelle del gargano di questa mattina, deducibili, prima ancora di ogni ascolto o lettura delle varie cronache, dall’osservazione di un cluster temporalesco lineare autorigenerante insistente su quella certa zona da ore ed ore, riportano sempre alla trattazione delle stesse alluvioni lampo e degli interessanti aspetti tecnici che le caratterizzano. Le medesime sono dovute ai fenomeni temporaleschi ed ai fenomeni temporaleschi persistenti, come quelli che risultano accolti in un sistema stazionario o semi-stazionario. La non traslazione del sistema crea le condizioni affinchè lungo il flusso stazionario in cui si creano le condizioni di sviluppo delle celle temporalesche, si sviluppi un corso di celle successive che si generano, maturano e muovono lungo il flusso stesso, creando una multicella a sviluppo lineare ed insistente. Non necessariamente detti cluster si creano dove, generalmente, risultano maggiori le condizioni per detti sviluppi, ovvero lungo la risalita delle correnti del vortice o della saccatura. Talora si creano, come nel caso di questa mattina sull’area del gargano, sui quadranti occidentali o nord-occidentali dello stesso vortice, ammesso che qui sussistano le varie condizioni necessarie, come divergenza in quota, convergenza al suolo, apporto di aria caldo-umida, instabilità, eventuale effetto stau.

Ebbene il caso del gargano ci racconta proprio di un contesto di questo tipo, nel quale, per come si vede nel disegno, si hanno: 1) un vortice in quota poco mobile centrato sull’adriatico meridionale e carico di aria fredda che interessa l’area con correnti fredde da nord-est (frecce blu) e che associa forte instabilità; 2) una scontata situazione di divergenza in quota annessa; 3) una condizione di convergenza dei bassi strati che vede le correnti al suolo (frecce rosse) incrociare da destra quelle in quota e produrre il wind shear favorevole agli sviluppi nuvolosi; 4) un ovvio effetto stau con risalita da orografia delle correnti umide marittime in movimento dal mare all’entroterra. Da cui il determinarsi di un autorigenerante lineare lungo il flusso da est o nord-est in quota, in stiramento ed estensione sino alle coste tirreniche e con la zona attiva e di genesi di celle temporalesche nuove e successive sull’area garganica.


Please follow and like us:
0

Pressione in aumento: due distinte fasi

Dopo un weekend molto instabile specie al centro sud (si sono verificati anche diversi fenomeni di forte intensità e allagamenti), la pressione è in graduale aumento su tutto il Paese.

Fino a metà settimana l’anticiclone sarà con i suoi massimi a interessare Spagna e Francia sud occidentale, dove le temperature saranno molto calde (locali picchi di 38° gradi in Spagna). In Italia si avrà un tipo di caldo nella norma per la terza decade di luglio; valori più alti al nord e settori centro meridionali occidentali, mentre qualche grado in meno all’estremo sud est italico.

Tutto questo perchè appunto il posizionamento dell’alta pressione lascerà in parte leggermente scoperto il fianco orientale a qualche infiltrazione instabile (molto debole e localizzata), impedendo tra l’altro una risalita termica sopra le righe.

Da giovedì il parziale avanzamento e stazionamento della goccia fredda atlantica, causerà un ulteriore aumento della pressione in Italia con il cuore del promontorio maggiormente centrato su di noi: si potranno quindi osservare picchi termici pomeridiani intorno o superiori ai 35° , maggiormente probabili su est padano, pianure interne toscane e del centro Italia e successivamente sulla Puglia.

Come avvenuto molto spesso in questa stagione estiva, la fase di caldo sopra le righe potrebbe non avere caratteri di persistenza, in quanto la depressione responsabile della rimonta calda avrebbe facilmente spazio per avanzare verso est: così facendo entro il successivo weekend si potrebbero verificare un netto ridimensionamento termico e anche nuovi fenomeni temporaleschi (con la visione modellistica attuale solamente al nord).

Seguiranno aggiornamenti

A cura di Simone Scarpelli

Please follow and like us:
0