Articolo previsionale 19/09/2020.

Piemonte-VDA-Lombardia-Triveneto.

Buonasera a tutti! Ad ovest della nostra penisola (tra Francia e Penisola Iberica) è presente un’area depressionaria che provoca fastidio all’alta pressione ormai in fase di indebolimento. Stiamo assistendo oggi ai primi segnali di cambiamento con più nubi in transito, generalmente irregolari e alternate ad aperture ma anche compatte, e ai primi rovesci sulle Alpi occidentali. Nella giornata di domani l’area depressionaria invierà verso le nostre regioni il primo fronte instabile, seppur modesto.

Entriamo nei dettagli per domani. La giornata trascorrerà con tempo tutto sommato discreto seppur avremo a che fare con nubi in transito alternate a qualche apertura. Qualche rovescio sarà possibile già al mattino tra Valle d’Aosta e Piemonte occidentale e tra Alessandrino e Olptrepo Pavese. Tra pomeriggio e sera sono attesi poi rovesci sparsi e/o qualche temporale sui settori Alpini, Prealpini e Appenninici con locale coinvolgimento tra sera e inizio notte successiva della pianura Piemontese (più ai margini l’Alessandrino) e Lombarda. Temperature in lieve calo e massime comprese in genere tra 25-27°C alle basse quote; in montagna massime sui 18-20°C a quote medie.

Ad inizio settimana prossima l’area depressionaria tenderà a coinvolgere sempre di più le nostre regioni. Ne conseguirà instabilità nella prima metà della settimana con rovesci e qualche temporale a più riprese sui rilievi a partire da lunedì pomeriggio/sera ma con il coinvolgimento irregolare anche della pianura, lunedì specie Piemontese-Lombarda in serata poi martedì/mercoledì anche altrove. Da valutare poi nella seconda parte della settimana la possibilità di maltempo più corposo a causa di una vasta saccatura in discesa da nord fin verso il Mediterraneo e che potrà interessare quindi anche le nostre regioni con gli impulsi perturbati associati. Il tutto accompagnato da un netto calo delle temperature. Ovviamente i dettagli sono ancora da valutare, ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *