🔔 🟡 Allerta GIALLA, venerdì 23 aprile, in sei regioni del Centro-Sud

Previsioni meteo per Venerdi 23 Aprile 2021

Precipitazioni:

– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Puglia meridionale ed occidentale, Basilicata e Calabria centro-settentrionale, con quantitativi cumulati generalmente moderati;

– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia, resto del Sud peninsulare, Sardegna, Molise, Abruzzo, Marche e Lazio meridionale, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati, specie su Sicilia, Calabria meridionale, Campania, Puglia centro-settentrionale, Lazio meridionale, Sardegna orientale e meridionale.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: massime in locale sensibile aumento sulle regioni tirreniche centrali.

Venti: forti nord-orientali su Sicilia meridionale ed orientale e zone ioniche della Calabria.

Mari: molto mossi lo Ionio e lo Stretto di Sicilia.

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

Martedì 13 aprile🟡 Allerta gialla in nove regioni.

Previsioni per martedì 13 aprile 2021

Precipitazioni:

– inizialmente da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Veneto settentrionale e Friuli Venezia Giulia, in rapido esaurimento dopo metà giornata, con quantitativi cumulati moderati;

– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Abruzzo centro-meridionale, Molise, Campania e settori tirrenici di Basilicata e Calabria settentrionale, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati;

– isolate, anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto del Triveneto e delle regioni centrali, sui restanti settori della Calabria tirrenica e della Basilicata e su Lombardia sud-orientale, Emilia Romagna e Puglia, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate: al di sopra dei 400-700 m sul Triveneto, con apporti al suolo moderati, fino ad abbondanti su Dolomiti venete e settori alpini del Friuli Venezia Giulia; al di sopra dei 600-900 m sull’Appennino emiliano-romagnolo, con apporti al suolo da deboli a moderati; al di sopra dei 1200-1400 m, in calo fino ai 700-900 m, sull’Appennino umbro-marchigiano, con apporti al suolo deboli; inizialmente al di sopra dei 1300-1600 m, in calo fino agli 800-1000 m, sull’Appennino abruzzese e molisano, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime in locale sensibile diminuzione al Centro-Nord; massime in diminuzione anche sensibile su Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche,

Venti: inizialmente da forti a burrasca nord-orientali su coste e pianura di Veneto e Friuli Venezia Giulia e da forti a burrasca settentrionali nelle valli alpine, in attenuazione entro metà giornata; forti dai quadranti settentrionali sul medio versante adriatico, con raffiche di burrasca sulle Marche; forti dai quadranti settentrionali con raffiche di burrasca su Liguria, Toscana, crinali dell’Appennino emiliano-romagnolo e umbro-marchigiano e sui settori tirrenici e settentrionali del Lazio; forti nord-occidentali sulle due isole maggiori, in estensione ai settori tirrenici di Campania e Basilicata e alla Calabria; forti dai quadranti meridionali sulla Puglia, in attenuazione.

Mari: da molto mossi ad agitati il Mare e Canale di Sardegna e lo Stretto di Sicilia; molto mossi il Tirreno centro-meridionale, il Mar Ligure settore di Ponente al largo, l’Adriatico e localmente lo Ionio.

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

⛈🌬Ancora temporali e venti forti. 🔔🟠 ALLERTA ARANCIONE domani, lunedì 12 aprile, su parte della Liguria
🔔🟡 allertaGIALLA in 9 REGIONI.

Maltempo: allerta arancione sulla Liguria

11 aprile 2021

Ancora temporali e venti forti, allerta gialla su 9 regioni

La perturbazione di origine nord-atlantica, che sta interessando il nostro Paese, andrà approfondendosi sul bacino del Mar Mediterraneo centrale determinando, nella giornata di domani, un’accentuazione dell’instabilità su gran parte delle regioni settentrionali italiane e su parte di quelle centrali.  

 Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento della protezione civile nazionale.

L’avviso prevede dalle prime ore della giornata di domani, lunedì 12 aprile, il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, specie settori meridionali, Liguria, Emilia-Romagna e Toscana; attese inoltre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. In particolare, previsti venti forti dai quadranti orientali su Emilia-Romagna e Lombardia, con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, lunedì 12 aprile, allerta arancione per rischio idrogeologico sulla Liguria di levante, inoltre, allerta gialla su parte di Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Liguria, sugli interi territori di Toscana, Umbria e Lazio.

Fonte : dipartimento protezione civile nazionale

In arrivo i temporali al Nord.🔔 🟡 Allerta GIALLA domani, domenica 11 marzo, in cinque regioni

Allerta gialla in Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana e Umbria

Una vasta area depressionaria, posizionata sull’Europa occidentale, nelle prossime ore convoglierà un flusso di correnti umide sud-occidentali verso il nostro Paese. In particolare, una prima perturbazione porterà precipitazioni diffuse nella serata di oggi su nord-ovest e alta Toscana, mentre un secondo impulso, dalla serata di domani, investirà tutto il settentrione italiano con piogge e temporali, ed anche nevicate sui settori alpini.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento della protezione civile nazionale.

L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, sabato 10 aprile, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, specie settori sud-orientali, Liguria, Emilia-Romagna, specie appennino emiliano, e Toscana settentrionale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 11 aprile, allerta gialla su parte dei territori di Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana e Umbria.

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

💨🌊In arrivo venti di burrasca da Nord a Sud, con mareggiate lungo le coste esposte. 🔔🟡 Allerta GIALLA domani, martedì 6 aprile, su Marche e Abruzzo.

Maltempo: in arrivo venti di burrasca da Nord a Sud

Una vasta e profonda area depressionaria, posizionata sull’Europa centro-settentrionale, nelle prossime ore determinerà l’afflusso di aria polare verso le nostre regioni, innescando, dalla serata di oggi, una intensificazione dei venti dai quadranti settentrionali e occidentali e un sensibile calo delle temperature su gran parte dell’Italia. Il concomitante passaggio di un sistema perturbato, darà luogo, domani, a precipitazioni sparse, specie sul versante adriatico, con fenomeni anche nevosi a quote basse, dapprima sulle regioni nord-orientali in estensione alle aree appenniniche settentrionali e, nel pomeriggio/sera, a quelle centrali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento di protezione civile nazionale.

L’avviso prevede dalla tarda serata di oggi, lunedì 5 aprile, venti da forti a burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti settentrionali, sulla Provincia Autonoma di Bolzano, in estensione a Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Marche, Umbria e Toscana. Dalla mattinata di domani, martedì 6 aprile, si prevedono, inoltre, venti da forti a burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti occidentali, su Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e, per le successive 24-30 ore, sulla Calabria. Attese mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 6 aprile, allerta gialla per rischio temporali nelle Marche e per rischio idrogeologico sul versante orientale dell’Abruzzo.

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

Maltempo: in arrivo pioggia e neve al Sud

Maltempo: in arrivo pioggia e neve al Sud


Allerta arancione in Sicilia

Una vasta saccatura, disposta dalla Russia al Marocco, determina un afflusso di masse d’aria di matrice polare fin verso l’Italia dove, interagendo con impulsi perturbati in arrivo da Ovest, si registreranno, dalla serata di oggi, precipitazioni anche a carattere temporalesco sulle regioni meridionali e, a carattere nevoso, fino a quote di alta collina sulle aree interne. 
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).
L’avviso prevede dalla tarda serata di oggi, venerdì 19 marzo, precipitazioni sparse, a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia, Calabria e Basilicata. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Dalle prime ore di domani, sabato 20 marzo, attese nevicate al di sopra dei 600-800 metri su Basilicata e Calabria centro-settentrionale, con apporti al suolo moderati, fino ad abbondanti a quote superiori.
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, sabato 20 marzo, allerta arancione sul settore settentrionale della Sicilia e allerta gialla in Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e nel resto della Sicilia. 

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

🌬 In arrivo venti di burrasca da Nord a Sud
🔔🟡 Allerta GIALLA, domenica 14 marzo, in tre regioni.

Allerta gialla in tre regioni 

L’approfondimento sull’Italia di una estesa saccatura dall’Europa settentrionale determina, già dalle prossime ore, un deciso peggioramento del tempo con una marcata intensificazione dei venti dai quadranti occidentali, a partire dal Settentrione in estensione a gran parte dell’Italia, ed un abbassamento delle temperature.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).
L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, sabato 13 marzo, venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, con raffiche di burrasca forte, sulla Valle d’Aosta, in estensione a Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Marche ed Umbria, interessando in particolar modo i settori costieri e i rilievi appenninici; dal mattino di domani, domenica 14 marzo, si prevedono venti da forti a burrasca, dai quadranti nord-occidentali e con raffiche di burrasca forte su Lazio, Abruzzo e Campania, specie sui settori costieri e montuosi; attesi, inoltre, dal primo pomeriggio di domani, venti da forti a burrasca, dai quadranti nord-occidentali, con raffiche di burrasca forte, specie sui settori costieri e montuosi, su Molise, Puglia, Basilicata e Calabria, in estensione alla Sicilia.
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 14 marzo, allerta gialla per rischio temporali su gran parte dell’Umbria, per rischio idrogeologico sull’Abruzzo occidentale e per rischio idraulico nel Basso Fortore in Puglia.

Previsioni meteo in dettaglio per domenica 14 marzo 2021

Precipitazioni:

– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Valle d’Aosta, settori montuosi di Piemonte centro-settentrionale e Lombardia, Triveneto, Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio orientale, Sardegna e Campania, con quantitativi cumulati generalmente deboli, fino a puntualmente moderati su Marche occidentali, Campania meridionale e settori orientali di Umbria e Lazio;

– dal pomeriggio, da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Abruzzo, Molise, Puglia centro-settentrionale, Basilicata, Calabria e Sicilia nord-orientale, settentrionale e occidentale, con quantitativi cumulati generalmente deboli, fino a puntualmente moderati su Basilicata occidentale e settori tirrenici della Calabria centro-settentrionale.

Nevicate: sui settori alpini al di sopra dei 1000-1200 m, con apporti al suolo da deboli a moderati, specie sui settori confinali, dove la quota si abbasserà a 600-800 m; al di sopra dei 1100-1300 m sull’Appennino centrale, con apporti al suolo deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: in generale calo, anche sensibile, su tutto il Paese nei valori pomeridiani e serali.

Venti: da forti a burrasca inizialmente sud-occidentali, in rotazione a nord-occidentali, su Emilia-Romagna, Toscana, Marche ed Umbria, con rinforzi di burrasca forte sui crinali appenninici; da forti a burrasca dai quadranti occidentali sulla Sardegna settentrionale, in estensione alle restanti regioni centro-meridionali, con rinforzi di burrasca forte sui relativi crinali appenninici.

Mari: da molto mossi ad agitati tutti i bacini occidentali, dalla serata lo Stretto di Sicilia; tendenti a molto mossi dalla serata l’Adriatico centro-meridionale e lo Ionio.

Fonte : dipartimento protezione civile nazionale

🌨⛈ Avviso di condizioni meteorologiche avverse dell’8 marzo per neve e pioggia al Centro-Sud. Allerta GIALLA meteo-idro domani, martedì 9 marzo, in 7 regioni

Previsioni meteo per martedì 09 marzo 2021.

Precipitazioni:

  • da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lazio meridionale, Molise occidentale e zone interne della Campania settentrionale, con quantitativi cumulati da moderati a puntualmente elevati;
  • sparse, anche a carettere di rovescio o temporale, sul resto del Molise e della Campania centro-settentrionale e su Lazio centrale e nord-orientale, Marche meridionali, Umbria sud-orientale e Abruzzo, con quantitativi cumulati generalmente moderati;
  • sparse, anche a carettere di rovescio o temporale, sul resto di Marche, Umbria, Lazio e Campania e su Toscana meridionale, Puglia centro-settentrionale, Basilicata centro-settentrionale e occidentale, settore tirrenico della Calabria settentrionale, Sicilia occidentale e Sardegna, con quantitativi cumulati puntualmente moderati sui citati settori della Campania, sulla Puglia settentrionale e sui versanti occidentali della Sardegna, deboli altrove;
  • da isolate a sparse sull’arco alpino e prealpino, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate: al di sopra degli 800-1000 m sull’Appennino umbro-marchigiano e abruzzese e su quello del Lazio nord-orientale, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti; al di sopra dei 1100-1400 m sull’Appennino molisano, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti, specie alle quote superiori; al di sopra dei 1300-1600 m sul resto dell’Appennino laziale e su quello Campano, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti, specie alle quote superiori; al di sopra dei 900-1100 m sui settori alpini, con apporti al suolo deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: senza variazioni significative.

Venti: localmente forti settentrionali sulla Liguria, specie sul settore centrale della regione.

Mari: tendenti a molto mossi il Mare e il Canale di Sardegna; inizialmente molto il Mar Ligure settore di Ponente al largo.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 9 marzo, allerta gialla in Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e su settori di Marche, Campania e Puglia.

Fonte : dipartimento protezione civile nazionale

🔔🟡 Allerta GIALLA meteo-idro domani, 14 febbraio, in 6 regioni.
🌨💨 Ancora neve a bassa quota e venti forti al Centro-Sud.

L’avviso di allerta emesso dal dipartimento di protezione civile prevede dal primo mattino di domani, domenica 14 febbraio, il persistere di nevicate al di sopra dei 200-400 metri, localmente in calo fino a quote di pianura, su Molise, Basilicata e Puglia, con apporti al suolo da deboli a moderati. Dalla sera di domani si prevedono inoltre nevicate al di sopra dei 200-400 metri, localmente in calo fino a quote di pianura, su Calabria e Sicilia, specie settori settentrionali, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Dal primo mattino di domani, 14 febbraio, si prevede il persistere di venti forti o di burrasca dai quadranti settentrionali, con raffiche fino a burrasca forte, su Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna. Venti forti o di burrasca dai quadranti settentrionali, con raffiche fino a burrasca forte, su Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Forti mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 14 febbraio, allerta gialla su tutto il territorio di Abruzzo, Basilicata, Molise, Calabria, Puglia e sulla Sicilia settentrionale.

Precipitazioni: isolate, anche a carattere di rovescio, su Marche, Umbria sud-orientale, Lazio orientale, Abruzzo, Molise e tutte le regioni meridionali, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate: al di sopra dei 100-300 m, localmente fino a quote di pianura, su regioni centrali, Puglia, Basilicata, Campania e Calabria settentrionale, con apporti al suolo da deboli a moderati; al di sopra dei 400-600 m con locali sconfinamenti a quote inferiori, specie in serata, su Calabria centro-meridionale e Sicilia settentrionale, con apporti al suolo deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime in locale sensibile diminuzione su tutte le regioni; massime in sensibile calo sulle regioni meridionali e sulla Sardegna, fino a localmente marcato sulla Sicilia settentrionale. Temperature minime da basse a molto basse con diffuse gelate su regioni peninsulari e Sardegna.

Venti: forti, con raffiche di burrasca o burrasca forte, settentrionali su Liguria e Sardegna, nord-orientali su Alto Adriatico e restanti regioni centrali, in attenuazione ad iniziare dalle regioni settentrionali; forti nord-orientali, con rinforzi fino a burrasca e raffiche di burrasca forte, su tutte le regioni meridionali.

Mari: da molto mossi ad agitati tutti i mari, localmente molto agitato il Tirreno meridionale settore ovest.

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

️⛈🌬 Temporali e vento di burrasca al Centro-Sud. Allerta ARANCIONE, domenica 24 gennaio, in sei Regioni al Centro-Sud🟡🔔 Allerta GIALLA in 14 regioni e sulla Provincia Autonoma di Bolzano

Un nuovo impulso perturbato di origine atlantica investirà domani le nostre regioni centro-meridionali. La formazione di un’area di bassa pressione sul Lazio, inoltre, causerà sulle regioni meridionali un ulteriore rinforzo della ventilazione dai quadranti occidentali.                             

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento della protezione civile nazionale.

L’avviso prevede dal primo mattino di domani, domenica 24 gennaio precipitazioni, da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Toscana, Lazio, Umbria, settori occidentali di Abruzzo e Molise, in successiva estensione a Campania e settori tirrenici di Basilicata e Calabria. Le precipitazioni saranno accompagnate da rovesci di forte intensità, grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Si prevedono, inoltre, venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, su Sardegna, Molise, Campania e Basilicata, in estensione a Puglia, Calabria e Sicilia, con raffiche di burrasca forte, fino a tempesta sui settori tirrenici di Campania, Basilicata e Calabria centro-settentrionale, e si segnalano mareggiate lungo le coste esposte, anche violente.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, domenica 24 gennaio, allerta arancione sulla Calabria nord-occidentale, sulla Basilicata meridionale, sui bacini del Lazio sud-orientali e su quelli nord occidentali del Molise, oltre che su Umbria, e su ampi settori settentrionali dell’Emilia-Romagna. Allerta gialla su buona parte delle Regioni centro-meridionali, sulla Provincia Autonoma di Bolzano e su ampi settori del Veneto.

Fonte : dipartimento protezione civile nazionale