Prosegue l’eccezionale ondata di caldo e l’estate sahariana al centro sud dell’Italia , Balcani, Europa orientale🌡️

Previsioni per oggi, Venerdì 30 Luglio 2021.
Prosegue l’eccezionale ondata di caldo e l’estate sahariana al centro sud, Balcani, Europa orientale, dove ormai non si contano più i giorni con massime superiori ai 40 gradi e minime anche di 30 gradi e oltre.

Dopo una relativa tregua invece, da oggi ritornano i temporali al nord, segnatamente sulle Alpi e in probabile sconfinamento lungo le pianure di Piemonte, alta Lombardia e fondovalle del Trentino Alto Adige, a causa del flusso atlantico legato alle circolazioni di basse pressioni tra isole britanniche e Scandinavia, le quali, arrecheranno piogge consistenti su queste aree, anche se, sparse.

Temperature fresche oltralpe, calde e bollenti nel mediterraneo e sudest Europa. Con questo vi saluto e vi auguro una buona e infuocata giornata e a risentirci.
Mappe: meteociel.fr, moloch.it.

A cura di Francesco Loparco

Forno africano sempre acceso al centro sud dell’Italia , Balcani ed Europa orientale

Previsioni per oggi, Giovedì 29 Luglio 2021.
Forno africano sempre acceso al centro sud, Balcani, Europa orientale, cosa che va avanti da quasi una settimana per questa nuova ondata estrema, ma che va avanti da mesi per quanto riguarda le anomalie bollenti su queste aree citate. Anche oggi giornata da forno, con massime sui 38-39 gradi, con punte di 42-43 gradi.

L’alta pressione si spinge anche verso il nord e occupa tutto il mediterraneo, anche se non mancherà possibile instabilità sulle Alpi.

Clima più fresco e piovoso sempre nelle solite zone delle isole britanniche, Danimarca, sud Scandinavia. Alta pressione delle Azzorre confinata in oceano che si spinge fin sulla Groenlandia 🤔 con questo vi saluto e vi auguro una buona e infuocata giornata e a risentirci.
Mappe: moloch.it.

A cura di Francesco Loparco

Tipica configurazione barica in Europa favorevole alle ondate di calore sull’Italia centrale e meridionale e sui Balcani. 🌡️

Quando in estate il nord e l’ovest del continente Europeo sono freschi ed instabili, l’angolo sud-orientale invece tende a vedere condizioni con forti ondate di caldo.


Anche questa volta non c’è nessuna eccezione.


Si prevede che un’ampia area sarà di 4-8°C al di sopra della norma, con massimi diurni superiori ai +40°C in molte località tra l’Italia centrale e meridionale, i Balcani, la Grecia e la Turchia occidentale.

A cura del dott. Centra Massimo

La tendenza meteo del modello di previsione europeo per le prossime 4 settimane.

Il modello di previsione a lungo termine europeo prevede una deviazione negativa della temperatura su una grande parte delle nazioni occidentali dell’Europa fino alla fine di agosto.

L’anomalia negativa termica potrebbe riguardare anche il nord dell’Italia, mentre sulle regioni centrali e meridionali continuerebbe seppur più attenuato rispetto a questa fase a farsi sentire il caldo nord africano.

Si potrebbe verificare quindi anche nel prossimo mese una continuità delle ultime settimane.

Da evidenziare che è un trend da confermare.

A cura del dott. Centra Massimo

SITUAZIONE ATTUALE E SETTIMANALE🥵

A cura di Lorenzo Colangelo e Andri Thana

🌬SITUAZIONE ATTUALE E SETTIMANALE🥵
Le depressioni atlantiche interessano Spagna, Francia e Regno Unito, con diverse precipitazioni e temperature sotto la media del periodo
La risposta termodinamica di tali affondi freschi provenienti da nord ovest, è responsabile della risalita del promontorio anticiclonico di matrice subtropicale continentale su buona parte del mediterraneo, Italia centro-meridionale, Grecia ed i Balcani.


Questa condizione, per tutta la settimana, sarà sinonimo di temperature elevate e assenza di precipitazioni soprattutto al centro sud, insieme a dei cieli lattiginosi, caldo torrido
all’interno e più umidità lungo le coste, anche se qui con alcuni gradi in meno.🌊
Diversa si prospetta la situazione sull’Italia settentrionale, in particolar modo al nord del Po, infatti lo scontro tra le due masse d’aria di origine diversa determinerà ancora una volta delle manifestazioni temporalesche anche violente⛈. Tuttavia estensione e intensità dei fenomeni estremi andrànno temporaneamente diminuendo nel corso della settimana. Più caldo e secco a sud del Po (Emilia Romagna in primis) dove i valori termici supereranno anche i 35 gradi.

Venerdì 16 luglio🔔 🟡 Allerta GIALLA per rischio temporali e rischio idrogeologico in otto regioni.

Previsioni meteo per domani venerdi 16 luglio 2021.

Precipitazioni: 

– sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Lombardia sud-orientale, Emilia-Romagna e su tutti i settori interni ed appenninici del Centro, con quantitativi cumulati da deboli a localmente moderati; 

– da isolate a sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul resto delle regioni centro-settentrionali e sui settori settentrionali di Puglia e Campania, con quantitativi cumulati generalmente deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: in sensibile calo su Marche e Romagna; senza variazioni significative altrove, con valori massimi ancora elevati su Puglia, zone ioniche e sulla Sicilia centro-meridionale.

Venti: forti nord-occidentali, con locali rinforzi fino a burrasca, su Sardegna e Sicilia occidentale e meridionale; localmente forti nord-occidentali su resto di Sicilia, Calabria e sulle coste adriatiche.

Mari: molto mossi Mare e Canale di Sardegna e lo Stretto di Sicilia. 

Fonte: dipartimento protezione civile nazionale

Una fortissima ondata di caldo con massime di oltre 40 gradi si sta dirigendo verso l’Italia meridionale e il sud-est europeo 🌡️

Una poderosa avvezione di aria molto calda di origine sahariana sta per interessare le nostre regioni meridionali e tutta l’Europa sud orientale.

Le temperature si porteranno in molte località su valori prossimi ai 40 gradi e localmente anche sopra questa soglia.

Bisogna prestare molta attenzione per il rischio di temperature molto elevate che si registreranno nei prossimi giorni, soprattutto su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Temperature previste dal modello americano di previsione GFS a 2 metri dal suolo per il pomeriggio di mercoledì

Nella Grecia centrale sono previste temperature di ben oltre i 40 gradi e anche nei paesi vicini cioè in Albania, Macedonia del Nord e Bulgaria, i termometri dovrebbero mostrare temperature altrettanto elevate.

Una attenuazione della forte calura sulle regioni meridionali sarà possibile solo tra venerdì e sabato.

Sulle regioni settentrionali e sulla Toscana invece il caldo sarà meno intenso rispetto al resto del territorio nazionale.

I medici in queste situazioni climatiche particolarmente avverse, consigliano alle persone di indossare abiti larghi e di cotone di colore chiaro, di bere molta acqua e di non bere alcolici o bevande zuccherate.

Per anziani e bambini è sconsigliato stare all’aria aperto e soprattutto sotto il sole durante le ore più calde della giornata.


A cura del dott. Centra Massimo



Aria calda sahariana a più riprese sull’Italia specie su quella centrale e meridionale. 🌡️

Un promontorio anticiclonico di origine nord africano previsto dal modello Gfs per domenica non lascia spazio a interpretazioni: sull’Italia farà molto caldo.

Ma dalla giornata di lunedì si verificherà un calo della temperatura sulle regioni settentrionali e sull’alta Toscana, mentre il caldo anche molto intenso proseguirà sul resto del centro e al sud.

È possibile che questa ondata di calore duri per più giorni su gran parte delle regioni centrali e al sud.

Tra lunedì e mercoledì della prossima settimana si potrebbero superare i +40 gradi su alcune località interne delle regioni meridionali ed in particolare sul tavoliere di Foggia, nel materano, in Calabria e in Sicilia, specie nel Catanese.

A cura dell dott. Centra Massimo

CALDO ED AFA IN AUMENTO NEI PROSSIMI GIORNI.

La prima possibile ondata di caldo della stagione estiva in concomitanza del solstizio del prossimo 21 Giugno. Vediamo la tendenza.

In queste ore osserviamo una circolazione fresca arenatasi sull’est Europa, precisamente tra Romania, Bulgaria e Grecia, la quale determina moderata/forte ventilazione sul medio-basso versante adriatico italiano con temperature leggermente sotto la media in alcune zone. Di contro ad ovest, si affaccia un promontorio anticiclonico di origine africana, alimentato da aria molto calda in afflusso direttamente dall’entroterra algerino. I bollenti spiriti africani stanno colpendo maggiormente, al momento, i settori di Spagna e Francia ( si misurano attualmente +36 gradi a Perpignan, nel sud-ovest della Francia al confine con i Pirenei, +36.2 nel comune di Orange, nei pressi di Avignon, +35.5 a Béziers sul golfo di Lione).

Suddetta circolazione andrà, nei prossimi giorni, parzialmente a dissiparsi ed a spostare i suoi tepori verso levante, accompagnate dallo spostamento del promontorio subtropicale, il quale andrà a posizionare i suoi massimi di geopotenziale tra Biellorussia, Lituania e Lettonia. Nel frattempo, in oceano, la corrente a getto subirà una marcata ondulazione dovuta ad un’attuale palude barica centrata ad ovest del Portogallo. Tale dinamica fungerà da calamita per un nucleo d’aria fresca marittima, il quale, affondando ad ovest sin verso il Marocco, richiamerà aria davvero molto calda dall’entroterra africano con moto SW/NE.

Nell’immagine sopra allegata è ben apprezzabile l’intensità della dinamica circolatoria, con picchi di +24/+26 gradi ad 850 hPa (1450 mt circa) di temperatura in quota. Di contro si nota il marcato calo delle temperature ad ovest, dovuto appunto all’aria fresca oceanica precedentemente elencata.

E’ chiaro, dunque, come sia concreto parlare di ONDATA DI CALDO quasi imminente, a causa dei forti dubbi che escono fuori se si va ad esaminare la circolazione del long range, con l’anticiclone africano che non sembra intenzionato a lasciare libero il Mediterraneo. E noi ben sappiamo che, per ondata di caldo, s’intende un periodo prolungato di alte temperature e siccità. SEBBENE, almeno il centro-nord, in un primo momento, potrebbe vedere un calo delle temperature e qualche temporale.

Aggiornamenti in seguito.

A cura di Giacomo De Gregorio.

AVVIO DI GIUGNO TRA DISTURBI E TEPORI.

Il primo mese estivo partirà tra disturbi ed il parziale rinforzo dell’anticiclone africano.

Meteo Monza e Brianza: tregua dal maltempo, domani torna il sole

SITUAZIONE: in queste ore scivola lungo i Balcani una goccia fredda in quota, alimentata da un flusso di correnti nord-orientali, responsabile di qualche nota di instabilità lungo i settori del centro-sud e, soprattutto, del corposo calo termico di queste ore e dell’ulteriore rinforzo della ventilazione settentrionale i quali contengono i termometri diffusamente intorno ad i 20 gradi.

AVVIO DI GIUGNO: Permane la tendenza verso un pattern amplificato di onde Rossby, anche se non particolarmente attive, a mantenere in gioco una certa dinamicità a livello europeo ed italico. Il temporaneo rinforzo dell’anticiclone subtropicale verso i settori nordici europei potrebbe risultare non performante e lasciare spazio ad intrusioni di aria più fresca oceanica ed il conseguente indebolimento del campo barico a 500 hPa. Risulta e risulterà anche particolarmente attiva la circolazione di queste ore sul comparto orientale che, sua fortuna, continuerà ad essere alimentata da fredde correnti continentali e successivamente isolata sui medesimi Stati successivamente ad un blocco anticiclonico sugli Urali, che dovrebbe verificarsi attorno al 5-6 di Giugno.

CONCLUSIONI: il parziale rinforzo dell’anticiclone africano lascerà spazio a giornate soleggiate e temperature in aumento, ciononostante risulterà ancora piuttosto timido nella rimonta mediterranea, svantaggiato da un pattern come, poc’anzi citato, particolarmente amplificato ed a continue intrusioni instabili nel tessuto anticiclonico.

Questo fin verso il 10 Giugno.

Giacomo De Gregorio