Tipica configurazione barica in Europa favorevole alle ondate di calore sull’Italia centrale e meridionale e sui Balcani. 🌡️

Quando in estate il nord e l’ovest del continente Europeo sono freschi ed instabili, l’angolo sud-orientale invece tende a vedere condizioni con forti ondate di caldo.


Anche questa volta non c’è nessuna eccezione.


Si prevede che un’ampia area sarà di 4-8°C al di sopra della norma, con massimi diurni superiori ai +40°C in molte località tra l’Italia centrale e meridionale, i Balcani, la Grecia e la Turchia occidentale.

A cura del dott. Centra Massimo

La tendenza meteo del modello di previsione europeo per le prossime 4 settimane.

Il modello di previsione a lungo termine europeo prevede una deviazione negativa della temperatura su una grande parte delle nazioni occidentali dell’Europa fino alla fine di agosto.

L’anomalia negativa termica potrebbe riguardare anche il nord dell’Italia, mentre sulle regioni centrali e meridionali continuerebbe seppur più attenuato rispetto a questa fase a farsi sentire il caldo nord africano.

Si potrebbe verificare quindi anche nel prossimo mese una continuità delle ultime settimane.

Da evidenziare che è un trend da confermare.

A cura del dott. Centra Massimo

SITUAZIONE ATTUALE E SETTIMANALE🥵

A cura di Lorenzo Colangelo e Andri Thana

🌬SITUAZIONE ATTUALE E SETTIMANALE🥵
Le depressioni atlantiche interessano Spagna, Francia e Regno Unito, con diverse precipitazioni e temperature sotto la media del periodo
La risposta termodinamica di tali affondi freschi provenienti da nord ovest, è responsabile della risalita del promontorio anticiclonico di matrice subtropicale continentale su buona parte del mediterraneo, Italia centro-meridionale, Grecia ed i Balcani.


Questa condizione, per tutta la settimana, sarà sinonimo di temperature elevate e assenza di precipitazioni soprattutto al centro sud, insieme a dei cieli lattiginosi, caldo torrido
all’interno e più umidità lungo le coste, anche se qui con alcuni gradi in meno.🌊
Diversa si prospetta la situazione sull’Italia settentrionale, in particolar modo al nord del Po, infatti lo scontro tra le due masse d’aria di origine diversa determinerà ancora una volta delle manifestazioni temporalesche anche violente⛈. Tuttavia estensione e intensità dei fenomeni estremi andrànno temporaneamente diminuendo nel corso della settimana. Più caldo e secco a sud del Po (Emilia Romagna in primis) dove i valori termici supereranno anche i 35 gradi.

Eccezionale ondata di caldo al centro sud e forti temporali al nord.

Previsioni per oggi, Martedì 27 Luglio 2021.
Prosegue indisturbata l’ondata di caldo estremo al centro sud, Balcani e Europa orientale e lo farà per tutta la settimana e anche oltre, dove le temperature bollenti e i cieli sabbiosi la faranno e la fanno già da padrone. Discorso diverso al nord, dove comunque il clima è caldo, ma temporali rovinosi di grandine, andranno oggi nuovamente a interessare tutte le aree a nord del fiume Po, con rischio elevatissimo soprattutto in Lombardia: prestare attenzione; possibile qualche temporale nel nordest della Sardegna, ma in forma molto isolara.

La causa di queste configurazioni bloccate sono da ricercare in continui affondi perturbati tra Francia, isole britanniche, con aria fresca oceanica che scivola fin verso il Marocco: piogge e temporali oggi diffusi in tutte le nazioni centro occidentali, Scandinavia, repubbliche baltiche e mar nero. Alta pressione delle Azzorre in oceano fino in Groenlandia. Con questo vi saluto e vi auguro una buona, infuocata e temporalesca giornata e a risentirci.
Mappe: meteociel.fr, moloch.it.

A cura di Francesco Loparco

Martedì 27 luglio🟠🔔 allerta ARANCIONE in Lombardia🟡🔔 allerta GIALLA in 6 Regioni. 🌩️ Ancora temporali al Nord.

Anche per la giornata di domani la vasta depressione atlantica continuerà a inviare impulsi perturbati verso le nostre regioni settentrionali, con conseguente persistenza, a tratti intensa, dell’attività temporalesca.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che fa seguito ed estende quello diffuso ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento della protezione civile nazionale.

L’avviso prevede la persistenza di precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia-Romagna e alta Toscana.  
i fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 27 luglio, allerta arancione su gran parte di Lombardia. Valutata, inoltre, allerta gialla in Emilia-Romagna, Veneto, alta Toscana e gran parte di Liguria, buona parte di Piemonte, e sul restante territorio della Lombardia.

Fonte :dipartimento protezione civile nazionale

🔔 🟠 Allerta ARANCIONE, lunedì 26 luglio, in Lombardia🔔🟡 Allerta GIALLA in 7 regioni

Una vasta depressione atlantica continua ad inviare impulsi di tempo perturbato verso le regioni settentrionali dell’Italia con conseguente persistenza, anche nella giornata di domani, di attività temporalesca a tratti intensa al Nord. Inoltre permarrà una sostenuta ventilazione meridionale sulle regioni del Centro e su quelle dell’Appennino settentrionale.    

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che fa seguito ed estende quello diffuso ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento della protezione civile nazionale.

L’avviso prevede dal primo mattino di domani, lunedì 26 luglio, la persistenza di precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte e Lombardia, in estensione a Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna e Toscana. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, possibili grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Dalle prime ore di domani attesi, inoltre, venti forti dai quadranti meridionali, con rinforzi fino a burrasca su Emilia-Romagna ed Umbria. 

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, lunedì 26 luglio, allerta arancione su buona parte della Lombardia. Valutata, inoltre, allerta gialla in Emilia-Romagna, Veneto, gran parte della Toscana e su settori di Liguria, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e sul restante territorio della Lombardia.

Fonte :dipartimento protezione civile nazionale

LA CALIGO

A cura di Lorenzo Colangelo e Ludovico Oberti

La caligo è una nebbia di mare, essa si forma quando delle masse d’aria più calde scorrono su un mare più freddo. Tale divario termico causa l’evaporazione delle acque marine fino a raggiungere il punto di condensazione. Per una maggiore persistenza e consistenza di questo fenomeno serve che al suolo vi sia un’umidità relativa molto alta con vento umido dal mare, mentre poco sopra il suolo scorra una corrente più secca e calda, quindi con umidità relativa ben più bassa.

La Caligo generalmente si forma in primavera quando, il mare freddo dall’inverno, comincia a sentire le prime ondate di aria calda subtropicale continentale. La caligo è un fenomeno che si estende solo nelle aree predisposte alla confluenza delle diverse masse d’aria, coprendo una superficie limitata o poco estesa.

LA TEMPERATURA MASSIMA

A cura di Ludovico Oberti e Lorenzo Colangelo

La temperatura massima rappresenta un momento nella giornata in cui il valore termico raggiunge il massimo potenziale.
La temperatura massima può essere raggiunta per poche decine di minuti, specie d’inverno nelle giornate serene, o per alcune ore; in quest’ultimo caso accade più frequentemente nella stagione estiva dove la maggior irradiazione solare tende ad accumulare calore sulla superficie. Qualche volta accade che la
T massima si registri di notte o di mattina presto per via di correnti favoniche che riscaldano l’aria per compressione adiabatica. Anche il repentino cambio della massa d’aria può far registrare la temperatura massima di notte o al contrario, in caso di aria molto fredda, la minima in pieno giorno.
Comunque sia quando sentiamo dai media che in una determinata località si è arrivati a toccare i 40 gradi, ciò non significa che lo stesso valore stazioni in loco per tutta la giornata ma solo per un determinato tempo.

IL LAGO DI GARDA🌊

A cura di Lorenzo Colangelo, Andri Thana, Alessio Macerola.
🌊IL LAGO DI GARDA🌊
Il lago di Garda, situato tra Lombardia,Veneto e Trentino Alto Adige, è compreso nelle rispettive provincie di Brescia, Verona e Trento. Esso è il lago più grande d’Italia con una superficie di ben 368km2, ed ha come immissario principale il fiume Sarca, mentre come emissario il Mincio.
Il lago ha una forma allungata da nord verso sud; a settentrione troviamo le prealpi, mentre a sud è circondato da colline con un’orografia più pianeggiante.
La fossa tettonica che contiene il bacino del lago, insieme alle montagne che lo circondano, sono databili a circa 35 milioni di anni fa.
In quell’era di modellamento della crosta terrestre, il ripiegamento delle rocce fluide, oltre che a generare il profondo letto del lago, ha nello stesso tempo determinato l’innalzamento della sua cornice montagnosa.

Il lago di Garda si trova a un’altitudine di 65m sul livello del mare e presenta una profondità massima di ben 346m.
Una curiosa particolarità è la presenza di una piccola penisola sulla sponda bresciana, precisamente nella cittadina di SIRMIONE, infatti questa piccola penisola si allunga verso l’interno del lago dove si può intravedere acqua da tutte le sponde.
Nel lago sono presenti anche 5 piccole isolette, ma di dimensioni molto ridotte: l’isola del Garda, l’isola di san Biagio, l’isola degli olivi, l’isola del sogno e l’isola del trimelone.

La presenza del lago influenza abbastanza il clima di quelle aree, poiché rispetto alla pianura padana si presenta più fresco e ventilato in estate ma con inverni più miti, dato che qualche grado in più delle zone vicine di pianura in tale stagione c’è sempre. Anche la nebbia viene a mancare spesso quando, ad esempio, a pochi km più a sud del lago essa persiste e avvolge le cittadine più distanti.
Salendo verso nord si va verso le zone montuose più alte, ma le caratteristiche climatiche rimangono piuttosto simili alla parte meridionale del lago.
La temperatura media delle sue acque superficiali è di 12 gradi, ma naturalmente varia di molto durante l’arco dell’anno.
In inverno il valore minimo arriva fino a 6 gradi , mentre in estate nei periodi più caldi può raggiungere anche i 26 gradi.

Martedì 20 luglio🔔 🟠 Allerta ARANCIONE per rischio temporali, rischio idraulico e rischio idrogeologico sulla Puglia nord-orientale🔔 🟡 Allerta GIALLA per rischio temporali e rischio idrogeologico sul resto della regione.

Previsioni meteo per domani, martedì 20 luglio 2021

Precipitazioni: isolate, a carattere di rovescio o temporale ad evoluzione diurna, su Campania meridionale, resto del Sud peninsulare e Sicilia nord-orientale, con quantitativi cumulati generalmente deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: in sensibile aumento nei valori massimi sul Centro-Sud.

Venti: in seratalocalmente forti settentrionali sulla Puglia meridionale.

Mari: nessun fenomeno significativo.

Fonte :dipartimento protezione civile nazionale