GRAN CALDO IN ARRIVO🌡, MA ATTENZIONE ANCORA ALL’INSTABILITÀ ⛈

A cura di Lorenzo Arrotini

Si sta già sentendo l’aria calda, quella vera, quella che ci terrà compagnia per tutta la stagione.

Guardando le mappe dei vari modelli di questa settimana, si può dedurre che è in arrivo la prima ondata di caldo intenso.

Fino alla fine della settimana le temperature resteranno nella norma; ma proprio nel fine settimana, il rinforzo dell’anticiclone africano porterà temperature veramente alte in gran parte della penisola: infatti, dalla mappa del modello americano GFS di domenica 20 giugno, si può vedere che tra l’Emilia Romagna, zone interne di Toscana, Umbria, Lazio e più giù in tutto il sud italia si raggiungeranno i 37 – 38° andando a sfiorare i 40°☀️🥵🌡

Ma attenzione ! Perchè, oltre all’ondata, c’è anche spazio per l’instabilità ⛈

Tra la giornata di domani e giovedi 17 giugno, si potrebbero verificare dei temporali di calore, prevalentemente pomeridiani o serali, dovuti ancora ad infiltrazioni di aria fredda che andranno a scontrarsi con l’aria calda e umida presente al suolo; questi temporali saranno sparsi, a macchia di leopardo, difficili da capire dove veramente si verificheranno. Secondo gli ultimi aggiornamenti di GFS le regioni soggette a fenomeni saranno il nord ovest, tutto l’arco alpino, zone interne di Toscana, Umbria e nord lazio. Si ricorda a tutti che dato il caldo di questi giorni non sono esclusi precipitazioni di forte intensità.

Non mi resta che augurarvi…buon caldo a tutti ! 🙂

ANTICICLONE AFRICANO IN RINFORZO AL CENTRO E AL SUD ☀️☀️,INSTABILE INVECE AL NORD 🌧⛈

A cura di Lorenzo Arrotini

Buona domenica a tutti ! 🙂

A partire dalla giornata di oggi, assisteremo ad un aumento termico in molte regioni italiane a causa del rinforzo dell’Anticiclone africano nella nostra penisola.

Come si può vedere dalla mappa in alto di GFS prevista per oggi alle ore 17 circa, la bolla di aria calda invaderà tutto il sud italia, portando valori tipici estivi che facilmente supereranno i 30- 32°, e parte del centro con valori più accentuati ma comunque miti, intorno ai 24- 26° in alcuni casi anche oltre.

Il caldo proseguirà anche per tutta la prossima settimana con qualche pausa dovuta a debole instabilità.

Instabilità che al nord invece sarà protagonista con piogge e locali temporali anche di forte intensità dovuti all’aria mite in transito.

Qui sotto la mappa delle precipitazioni previste dal modello americano GFS per domani 24 maggio 2021.

Un caro saluto da Lory Arro

IL FRONTE FREDDO RAGGIUNGE IL CENTRO ITALIA 🌧⛈🌨

A cura di Lorenzo Arrotini

Come annunciato ieri, il fronte freddo proveniente dal nord europa ha raggiunto questa mattina il nord italia, portando con se precipitazioni piovose e nevose, in alcuni casi fino in pianura e forte vento dai quadranti settentrionali.

Ora, come si può vedere dal radar della Protezione Civile, con direzione nord ovest – sud est il fronte si sta spostando verso il centro italia tra Toscana, Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo con piogge anche di forte intensità, temporali (con la possibilità di assistere a locali fenomeni grandinigeni dovuti allo scontro tra aria calda già presente al suolo e aria fredda in arrivo con la perturbazione) e nevicate in appennino centrale ancora a quote alte (800 metri) ma che nelle prossime ore, tra tardo pomeriggio – sera, raggiungeranno le quote di collina (300- 500 metri; non sono esclusi però fiocchi anche nelle zone situate più ad ovest rispetto all’appennino). Attenzione al vento che sarà intenso soprattutto durante il passaggio della perturbazione. Calo termico anche di 10 – 12°.

Per domani è atteso un miglioramento del tempo, ma con temperature fredde per il periodo che porteranno, soprattutto nelle zone interne del centro, gelate diffuse.

Un caro saluto da Lory Arro

L’ARIA GELIDA ARRIVA IN UMBRIA ❄❄

A cura di Lory Arro

La nostra penisola sta attraversando la più grande ondata di freddo dall’inizio di questo inverno, a causa dell’arrivo di correnti gelide da nord -est. Le temperature, sia massime che minime, stanno scendendo in tutto lo stivale, portandosi ben al di sotto dello 0 anche di giorno.

Però la parte più interessante di questa ondata sono le precipitazioni, soprattutto la neve, che nelle ultime ore è caduta in molte città sia del nord, come Torino, Milano, Bologna, che del centro Italia.

Tra la tarda serata e la nottata un minimo depressionario, carico di aria piuttosto umida, si è avvicinato sul Tirreno; intanto però continuava ad affluire aria siberiana. Tale scontro ha dato la possibiltà di vedere la neve fino in pianura in tutte le regioni del centro italia: Toscana, Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo

In particolare per l’Umbria, molti centri urbani questa mattina sono stati imbiancati dalla dama bianca: Città di Castello, Umbertide, Gubbio, Perugia (circa 10 cm), Assisi, Orvieto, Todi. Non solo… le precipitazioni nevose hanno colpito anche la zona del lago Trasimeno, con accumuli consistenti in alcuni paesi di collina. Solo nella parte meridionale della regione, la zona del ternano, non si sono avuti fenomeni nevosi.

Il video qui sopra è stato girato a Magione (PG) alle ore 7 di questa mattina durante una nevicata, non intensa, ma veramente bella. Dalle ore 11 circa, cessate le precipitazioni, miglioramento del tempo con ampie schiarite ma in un contesto davvero freddo, tant’è che oggi pomeriggio intorno alle ore 17, sempre a Magione, si è registrata una temperatura di -3°.

In conclusione, l’aria gelida ci farà compagnia fino all’inizio della prossima settimana, con temperature ampiamente sotto zero sia di notte che di giorno e forte ventilazione dai quadranti settentrionali. Si raccomanda quindi la massima attenzione alla formazione di ghiaccio su strade.

Un caro saluto a tutti voi !

L’UMBRIA SOTTO I FIOCCHI 🌨

A cura di Lory Arro

Dopo il soleggiamento di ieri e le temperature notturne sotto zero, la mattinata umbra di oggi, domenica 17 gennaio 2021, è trascorsa all’insegna dell’instabilità. Si proprio così…ma non con la pioggia bensì con delle brevi nevicate coreografiche.

https://youtu.be/aKf_tXr6-5A

Infatti, dalle 9 di questa mattina, dei fiocchi coreografici sono comparsi in tutta la provincia di Perugia fin sui 200 -300 metri: zona Trasimeno ( come si può vedere nei video qui sopra: il primo girato a Magione e il secondo a Castel Rigone, a circa 670 metri, qui con una leggera imbiancata), città di Perugia, altotevere, tutto l’appennino (dove si registrano nevicate un po più intense e ancora in atto, come sulla città di Gubbio), folignate, assisano e tuderte. Dei fiocchi sono caduti anche in provincia di Terni 🌨🌨

Tutto questo è stato possibile grazie all’aria fredda in quota, arrivata con una perturbazione atlantica, scontrandosi con l’aria umida presente al suolo. Ed ecco che sono comparsi fiocchi fino in pianura. Nelle prossime ore è previsto un miglioramento, in un contesto freddo e con altre possibilità di nevicate in appennino.

Un caro saluto da Lorenzo Arrotini 🙂

IN UMBRIA TORNA IL BEL TEMPO

A cura di Lory Arro

Dopo settimane di piogge intense, la giornata di oggi, 16 gennaio 2021, è stata totalmente soleggiata in Umbria, con clima fresco caratterizzato da un abbassamento delle temperature sia nei valori massimi che minimi e una leggera ventilazione da nord /nord -est. Solo lungo l’appennino si sono avuti leggeri addensamenti.

Le immagini qui sopra sono state scattate al Lago Trasimeno, in provincia di Perugia, quarto lago d’Italia per estensione: dalle foto si può vedere chiaramente un atmosfera veramente meravigliosa con acqua stupenda, grazie anche alle recenti precipitazioni intense e un cielo sereno e limpido.

Nei prossimi giorni continuerà questa situazione, con clima fresco e giornate soleggiate alternate a momenti nuvolosi.

Un caro saluto da Lory Arro

IL MALTEMPO IN UMBRIA: TANTA PIOGGIA, TANTA NEVE E PERFINO….GRAUPEL

A cura di Lory Arro

Nelle ultime settimane, l’Umbria sta attraversando periodi di forte maltempo caratterizzati da forti piogge continue e insistenti, anche con occasionali grandinate e nevicate in appennino fino a bassa quota, con accumuli ingenti fin sui 1000 metri; il tutto accompagnato da un calo di temperature.

Inoltre, grazie a questa instabilità, il livello del Lago Trasimeno (quarto lago italiano per estensione) è arrivato a circa -65 sullo 0 idrometrico, contro i -100 circa della scorsa estate, ridando vita alla biodiversità dell’ambiente. Di conseguenza, anche i fiumi / torrenti della regione hanno un flusso maggiore e i campi sono inondati di acqua. Basti pensare che solo nel mese di dicembre 2020, secondo i dati di Linea Meteo, la cittadina di Castiglione del Lago(PG) ha registrato circa 283 mm di pioggia, un dato veramente notevole per la zona; precipitazioni abbondanti anche a Perugia, con accumuli che vanno dai 170 ai 210 mm.

Campi allagati

Nel video qui sopra si vede chiaramente il torrente Anguillara in piena, immissario principale del Lago Trasimeno.

Per quanto riguarda la giornata di oggi, 6 gennaio 2021, intorno alle 13 circa in varie zone del perugino (come a Magione) si è verificato un fenomeno atmosferico chiamato “graupel” o neve tonda, costituito da palline di ghiaccio di diametro in genere inferiore a 5 mm e si è formato a causa dell’aria fredda in quota.

Anche la stessa città di Perugia è stata interessata dal passaggio di questo fronte, imbiancandola completamente.

INSOMMA, UN MIX DI FENOMENI SONO SUCCESSI IN QUESTE SETTIMANE E LA SITUAZIONE NON CENNA A MIGLIORARE, ANZI, SARA’ LA STESSA ANCHE NEI PROSSIMI GIORNI. L’INVERNO VUOLE FARE DAVVERO LA VOCE GROSSA.

Un caro saluto da Lorenzo Arrotini

P.S: le foto e i video sono di mia produzione

L’ALTA PRESSIONE INVADE L’UMBRIA

A cura di Lory Arro

In questi giorni, dopo le recenti piogge abbondanti, l’Umbria (come in tutte le regioni italiane) è invasa dall’alta pressione con sole e temperature miti in collina/montagna e nebbie in alcune zone di pianura, soprattutto nel perugino.

Nelle immagini qui sotto ci troviamo a Magione, un paese di circa 300 metri s.l.m in provincia di Perugia, zona molto soggetta alla formazione di nebbie per la presenza di alti tassi di umidità nel comprensorio del Lago Trasimeno.

La mattinata è partita all’insegna della nebbia, anche fitta, che si è leggermente diradata solo alle ore 14 circa.

Nebbia ore 9.00 – Magione(PG)
Nebbia ore 9.00 – Magione (PG)

Ma nel pomeriggio, intorno alle ore 16, nuova formazione di nebbie, che in serata/nottata potranno divenire fitte.

Formazione di nebbia ore 15.30 – Magione (PG)
Nebbia ore 16 – Magione (PG)
Nebbia ore 16 – Magione (PG)

Questa situazione sarà la stessa anche nei prossimi giorni, sole in montagna e nebbie persistenti in pianura e la causa di tutto ciò è la presenza dell’Anticiclone che ci terrà compagnia almeno fino a Natale.

Un caro saluto da Lorenzo Arrotini 🙂

IL MALTEMPO IMPERVERSA SULL’ITALIA

A cura di Lory Arro

Radar 5 dicembre ore 22.05 – Protezione Civile
Radar 5 dicembre ore 23.20 – Protezione Civile
Radar attuale centro Italia
Rradar attuale sud Italia

Buongiorno e buona domenica a tutti !

Osservando il radar attuale, si può vedere che l’Italia è sotto la morsa del maltempo. Ieri sera nelle regioni centrali (come si può vedere nella prima immagine) si è formata nel mar Tirreno una linea temporalesca lunga quasi 1000 km che ha interessato principalmente il Lazio e l’Umbria. In quest’ultima regione infatti si sono verificati fenomeni abbastanza intensi come a Magione, in provincia di Perugia, dove alle 23.20 circa del 5 dicembre si è abbattuto un veloce ma intenso nubifragio con forti raffiche di vento di scirocco, pioggia abbondante e forti fulminazioni.

Anche nel Lazio si sono verificati forti temporali che in tarda serata hanno interessato anche la città di Roma.

Successivamente, questa linea temporalesca si è spostata verso le regioni meridionali. Qui attenzione ai possibili nubifragi e disagi nella giornata di oggi. Piogge tra moderate e forti stanno ancora interessando le regioni centrali tra Toscana, Lazio, Umbria e Marche.

Miglioramento invece nelle regioni di nord ovest mentre il nord est (dove ieri si sono verificati forti precipitazioni con accumuli consistenti ) vedrà ancora piogge, in esaurimento dal tardo pomeriggio.

Un caro saluto da Lorenzo Arrotini 🙂

FORTE PERTURBAZIONE IN ARRIVO SULLA NOSTRA PENISOLA

A cura di Lory Arro

In queste ore la nostra penisola è attraversata da una perturbazione in arrivo dalla Groenlandia che sarà seguita da aria polare marittima da nord ovest ma che è preceduta da aria calda da sud.

Come si può osservare dal radar, i primi effetti di questo scontro si stanno avendo sul nord italia con piogge e nevicate fino a bassa quota, in particolare in Piemonte, imbiancando anche con diversi accumuli città come Torino, Cuneo, Asti ed Alessandria. Nelle prossime ore, ma sopratutto tra domani e domenica, questa perturbazione andrà a colpire il centro Italia con piogge e temporali anche di forte intensità e poi successivamente anche il meridione. Le regioni più colpite sembrerebbero essere quelle di nord-est (dove si potranno registrare accumuli di oltre 200 mm), l’Emilia Romagna, la Toscana, l’Umbria, il Lazio, la Calabria e la Sicilia. Nella terza immagine possiamo vedere gli accumuli totali previsti dal modello Moloch fino al 6 dicembre: attenzione perché a causa dei quantitativi alti non sono esclusi disagi a causa delle piogge intense.

Inoltre, nella giornata di domani, si attiveranno venti forti di Scirocco con raffiche fino a 60-80 km/h su molte regioni italiane.

Nella seconda immagine, è ben evidente lo scontro tra aria fredda polare marittima in discesa sul mediterraneo occidentale e l’aria calda che precede il fronte perturbato.

Un caro saluto a tutti voi 🙂