L’estate 2021 è stata l’estate più calda da quando sono iniziate le osservazioni in Europa.

Quest’anno, secondo il programma di osservazione della Terra Copernicus, l’Europa ha vissuto l’estate più calda mai registrata.

La temperatura media dall’inizio di giugno alla fine di agosto è stata di quasi un grado al di sopra della media presa in riferimento (anni dal 1991 al 2020) , ha affermato il Copernicus.

Il programma dell’Unione Europea Copernicus è un programma di osservazione satellitare della Terra.

I dati forniti dal programma contribuiscono a proteggere i cittadini europei in caso di emergenza, come catastrofi naturali e per studiare i cambiamenti climatici.

L’Europa ha registrato il secondo giugno più caldo mai registrato quest’anno, con temperature di +1,5°C superiori alla media del periodo 1991-2020, secondo il Copernicus Climate Change Service (C3S) gestito da ECMWF.

Il vecchio continente ha anche vissuto il suo secondo luglio più caldo , con temperature di +1,4°C sopra la media, mentre il mese di agosto è stato più vicino alla media di riferimento (1991-2020) .

Anomalia della temperatura dell’aria superficiale per giugno, luglio e agosto 2021 (da sinistra a destra) rispetto alle medie di giugno, luglio e agosto per il periodo 1991-2020. Fonte dei dati: ERA5. Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Nel complesso, il periodo giugno-luglio-agosto si classifica come l’estate europea più calda, sebbene sia seguita da vicino dalle estati del 2010 e del 2018.

Anomalie di temperatura particolarmente elevate sono state registrate nella parte orientale del continente.

L’Europa mediterranea ha subito una fortissima ondata di caldo nel mese di agosto, che si è spostata gradualmente da est a ovest. Le alte temperature hanno favorito lo sviluppo di incendi in molte nazioni mediterranee.

A cura del dott. Centra Massimo

Fonte: CopernicoECMWF

Please follow and like us:
0
20
Pin Share20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *