Alla complicata ricerca del minimo accenno di refrigerio


Per un meteo appassionato guardare le carte di previsione con un certo distacco e nel modo più razionale possibile è opportuno. Altrettanto lo è considerarle sempre delle ipotesi o delle probabilità, tanto più sono riferite ad un futuro più o meno distante. La tifoseria da asilo infantile che segna certa platea alla visione di carte a 7, 10 o, addirittura, 15 giorni, ha molto di patetico. Ma non posso negare di avere, come tutti, le mie preferenze e di provare una certa maggiore soddisfazione nel disegnare e commentare carte più conformi alle mie aspettative. L’ultima emissione di ECMWF, ad es., nell’introdurre una piccola variazione all’inesorabile fase calda che ci attende e nella direzione di qualcosa che può rendere meno negativa tutta la faccenda, spinge in tal senso. Nulla di che, sia chiaro. E poi si tratta pur sempre di forecast di medio-lungo termine.

Tuttavia è un fatto che, inaspettatamente, a livello di calcoli fisico-matematici, per ECMWF sembra acquisire maggiormente credito, nel corso della fase, il cosiddetto terzo incomodo; ovvero, tra l’azione atlantica, l’azione del sub-tropicale e la spinta settentrionale continentale, quest’ultima. Ammesso che detta spinta settentrionale riesca, proprio in corrispondenza di metà mese, a mitigare la questione, c’è da dire che potrebbe essere assai temporanea e poi neanche troppo influente. Ma la mappa che ho disegnato, riferita alla situazione prevista in quota da ECMWF tra il 15 ed il 16, qualcosa di buono ce lo racconta, e ci racconta, appunto, di un momento almeno, nel quale la campana anticiclonica, ben poco aggredita ad occidente, sembra dover subire un pò di effetto corrosivo lungo il suo bordo orientale.

E sembra subirlo a merito di una azione depressionaria che, anche se destinata poi a spostamento verso levate, tende a scendere lungo l’est europeo al limite della penisola balcanica. E’ una ipotesi, non caldeggiata da tutti i modelli, ma che, senza dare in escandescenze di gioia, prendiamo in considerazione…

Please follow and like us:
0
20
Pin Share20

Una risposta a “Alla complicata ricerca del minimo accenno di refrigerio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *