CALDO, FREDDO, PIOGGIA e NEVE nel WEEKEND

A cura di Lorenzo Colangelo, Lorenzo Savorani e Andri Thana
CALDO, FREDDO, PIOGGIA
e NEVE nel WEEKEND
La giornata di domenica 10 gennaio 2021 sarà caratterizzata da una situazione abbastanza anomala dal punto di vista termico sulla verticale del territorio italiano.
Alla quota di circa 1500 metri circa, troveremo isoterme di circa -5/-6 gradi dal Trentino alla Romagna, mentre all’estremo sud Italia, in particolare Sicilia meridionale e Calabria meridionale, avremo isoterme attorno ai 15-18 gradi sempre alla quota di 1500 metri, andando a creare un gradiente termico orizzontale di almeno 20 gradi di differenza. Tale situazione è tipica degli stati uniti d’America, per rendere l’idea (tutto questo si può vedere nella carta allegata)

Dal punto di vista dei fenomeni, il grosso delle precipitazioni dovrebbe concentrarsi sulla dorsale appenninica e parte della pianura padana meridionale, qui lo spartiacque, a grandi linee, sarà creato dal fiume Po.
A sud di questo, le precipitazioni risulteranno anche nevose, in particolare a ridosso dell’Appennino, dove potranno accumularsi anche 20 30 cm a quote superiori ai 1000 metri.
Procedendo verso sud, le nevicate cadranno mano mano a quote più elevate su buona parte della dorsale appenninica centrale, con piogge lungo le coste dei rispettivi versanti, mentre sul resto del meridione, compreso la Sardegna, le precipitazioni piovose interesseranno tutte le quote, a causa del forte afflusso di aria calda meridionale. Migliore il tempo su Calabria e Sicilia ma con valori termici intorno i 20 gradi.

Previsioni per oggi 😊 caldo molto umido e temporali 🌞⚡

Buongiorno. Previsioni per oggi, Lunedì 17 Agosto 2020.

Circolazione di bassa pressione tra l’atlantico e il golfo di Biscaglia continua a influnzare il tempo sull’Europa occidentale, compreso il nord Italia. Già ora sono presenti dei temporali sparsi su queste aree, uno in particolare nel genovese, abbastanza intenso. Piogge e temporali che nel corso delle prossime ore si intensificheranno, andando a colpire in forma sparsa ma localmente violenta gran parte del nord, della Francia, nord Spagna, Benelux, Inghilterra, Svizzera;

non mancheranno temporali anche nelle altre aree.

Continua invece più a sud l’azione dell’anticiclone subtropicale africano che andrà a interessare la Spagna, il centro sud Italia e Europa sudorientale, con temperature e umidità abbastanza elevate, anche se, anche qui, non mancheranno nel pomeriggio, temporali di calore, dovuti a lievissime infiltrazioni di aria umida e instabile; prevedere con esatezza dove si formeranno e andranno a colpire i temporali è compito difficile, ma possiamo ipotizzare che dalle zone interne poi possano spostarsi sul versante adriatico, dato le correnti in quota da sudovest;

I fenomeni potranno essere locali e moderati dove colpiranno, col rischio successivo di afa forte.

Per il momento è tutto. Vi auguro una buona giornata e a risentirci 😊
Mappe: sat24.com, meteociel.fr, windy.com.

A cura di Francesco Loparco

Il sospiro prima del grande balzo. 🌡️🌡️

Buongiorno. Previsioni per oggi, Domenica 26 Luglio 2020.
Il sospiro prima del grande balzo. Così possiamo intitolare le previsioni per oggi. Infatti, la giornata odierna presenterà ancora caratteristiche mediterranee, con clima normale e accettabile e caldo nella norma, con ancora un po’ di ventilazione settentrionale lungo il versante adriatico e un po’ di instabilità lungo le zone interne.

Da domani diamo il via all’estate africana che tanto piace a tutti, condita da cieli sereni, ventilazione debole o assente, caldo torrido nelle zone interne e afoso lungo le coste; perché a detta di molti, non è estate questa, così “fresca” e “anomala” 😏🙄 sul resto d’Europa prevale il flusso fresco nord atlantico, pilotato da due aree di bassa pressione.

Flusso che regalerà rovesci e temporali anche di forte intensità sulla gran parte delle nazioni europee centro settentrionali.

Bene, vi ringrazio per l’attenzione e vi auguro una buona domenica.
Mappe: sat24.com, meteociel.fr, moloch.it.

A cura di Francesco Loparco

🌡️LA SITUAZIONE GENERALE DELLA PROSSIMA SETTIMANA.🔥

🔥LA SITUAZIONE GENERALE DELLA PROSSIMA SETTIMANA.🔥

Nel corso della prossima settimana l’espansione sul nostro paese dell’ anticiclone Africano (termine esatto: promontorio anticiclonico nord africano🔥) causerà un’ondata di caldo intenso in grado di portare i valori di temperatura al di sopra delle medie del periodo. Le regioni più colpite saranno soprattutto quelle peninsulari e le isole maggiori. Il tempo sarà stabile e soleggiato su gran parte del territorio con le temperature che potrebbero raggiungere i valori più elevati intorno la metà della prossima settimana, quando gli stessi potrebbero toccare picchi
di +38/+40°C sulle pianure interne tirreniche, Tavoliere, entroterra della Sardegna. Anche il nord subirà la sua ondata di caldo con temperature che a sud del Po potrebbero arrivare anche a toccare i 36 37 gradi.
Ad aumentare la percezione del caldo saranno i tassi di umidità🥵 previsti in graduale aumento soprattutto lungo le coste e sulle pianure del nord. Per il momento ci fermiamo qui in attesa di dati più precisi ricordando ai nostri utenti che, seguendo i consigli descritti nell’articolo di ieri data 24/7 (NON È LA FINE DEL MONDO) si possono ridurre di molto i disagi causati dall’ondata di caldo.
BUON FINE SETTIMANA😊

A cura di Lorenzo Colangelo, Andri Thana
Alessio Macerola, Davide Casotti.

🌡️Caldo su tutta l’Italia ma con temporali anche forti al nord e su parte del centro 🌪️⛈️

Fonte immagine : meteociel.fr

Nella giornata di oggi su alcune località del centro e del sud sono stati superati i +35 gradi.

Le regioni più calde sono state l’Emilia Romagna, la Toscana, l’Umbria, il Lazio, la Puglia, la Calabria e le due isole maggiori.

Tra domani e sabato è attesa una temporanea seppur contenuta diminuzione della temperatura su tutto il nostro territorio nazionale.

Nelle prossime ore e durante la giornata di domani sono attesi dei fenomeni temporaleschi localmente intensi su gran parte delle regioni settentrionali, su quelle centrali, specie zone appenniniche e versante orientale, sul Molise e sul nord della Puglia.

Accumuli precipitativi per le prossime 24 ore.
Fonte isac cnr

Ad inizio della prossima settimana le temperature su tutta l’Italia si porteranno sopra la media e sentiremo molto caldo.

A cura di Centra Massimo

Caldo moderato ma con temporali da metà settimana al nord. ⛈️

Fonte immagine : wetterzentrale.de

🌦️🌤️Aggiornamento 19/07/2020.🌤️🌦️

Tra domani e mercoledì l’alta pressione si rinforzerà ulteriormente sulle nostre regioni risultando di matrice Azzorriana ma con possibile marginale contributo Africano responsabile di un pó più di caldo soprattutto da martedì (senza troppi eccessi).

Anomalia termica alla quota di circa 1450 metri.
Fonte immagine : wetterzentrale.de

Qualche rovescio o temporale saranno possibili nelle ore pomeridiane-serali sulle Alpi a causa di lievi infitrazioni instabili….molto isolati domani, più presenti martedì con il possibile coinvolgimento delle Prealpi. Mercoledì pomeriggio/sera si ipotizza un possibile cedimento dell’alta pressione con un impulso instabile Atlantico che potrebbe portare più rovesci e temporali dai rilievi alle pianure del nord e aprire un nuovo periodo più dinamico.

Anomalia termica alla quota di circa 1450 metri prevista per martedì 28 luglio.
Fonte immagine : wetterzentrale.de


Il centro sud in particolare vedrà belle giornate per gran parte della settimana con temperature estive sulle zone costiere( 30- 32 gradi) e qualche grado in più nelle pianure interne, soprattutto tirreniche( 33-34)

A cura di FLAVIO MILANI

Gran caldo in Russia 🇷🇺

Un nuovo record assoluto di calore è stato registrato oggi a Ekaterinburg, quarta città della Russia con ben +39,1°C.

La città è situata ai piedi degli Urali ed è la porta occidentale della Siberia. Il record precedente di + 38.8 ° C ed era stato toccato nel lontano 01-07-1911 (dati dal 1881)

A cura di Centra Massimo

Inverno Argentino : Dal caldo al gelo e di nuovo caldo.

Freddo intenso in Argentina 🇦🇷 con Rosario scesa a -8,4° ieri 14 luglio.

Era dal 1953 che non si toccavano quei valori
-10,6° il 23/06/1945
-9,5° il 09/07/1945
-8,8° il 19/07/1953
-8,6° il 24/06/1945

Bufera neve in Patagonia (Argentina)

L’inverno in Argentina sta trascorrendo con forti anomalie termiche si passa in pochi giorni dal caldo al gelo e di nuovo al caldo

L’ Argentina ha sperimentato uno dei periodi invernali più caldi della storia, poche settimane fa, seguito da un forte periodo di freddo (ieri a Rosario -8,4 ° C, giorno più freddo degli ultimi decenni) ma il prossimo fine settimana il caldo tornerà con temperature molto alte +36 ° C nel nord.

A cura di Centra Massimo

Perché le temperature nell’artico sono aumentate in misura maggiore rispetto alle restanti zone del Pianeta in questi ultimi decenni?

L’Artico nel suo complesso si è riscaldato in modo sostanzialmente più veloce rispetto al resto del mondo. Questo fenomeno – chiamato amplificazione dell’Artico – può essere spiegato in parte dai meccanismi di feedback associati alla copertura di neve e ghiaccio, per cui un riscaldamento iniziale provoca un aumento della velocità di fusione, che a sua volta aumenta ulteriormente il riscaldamento. Inoltre, la Siberia è abituata alle temperature estreme, poiché subisce il più grande sbalzo stagionale di temperatura in qualsiasi parte del pianeta. La variazione massima media della temperatura è di poco superiore ai 60 ° C, da circa -40 ° C a gennaio a circa 20 ° C a luglio, a latitudini vicine a 60 ° N. Questa regione sta quindi vivendo una chiara tendenza al riscaldamento che si estende per diversi decenni ed è anche soggetta a forti variazioni di temperatura.

Va ricordato che nello scorso mese di giugno un calore eccezionale ha interessato la Siberia.

La temperatura media ha raggiunto fino a 10 ° C al di sopra delle norme stagionali di giugno.

Il 20 giugno, una temperatura di 37 ° C nell’arco di un’ora è stata addirittura stimata nella Siberia orientale, un record all’interno del circolo polare artico, secondo Copernicus. Lo stesso giorno, nella stessa regione, la stazione nella città russa di Verkhoyansk aveva registrato un picco a 38 ° C, un possibile record di calore per l’Artico.

Fonte Copernicus

A cura di Centra Massimo

Giugno 2020 :A livello globale, +0,53 ° C sopra la media di giugno per il periodo 1981-2010, con le temperature più alte della media registrate in Artico e in Siberia. In Europa, è risultato come il secondo più caldo mese di giugno.

Anomalia della temperatura dell’aria superficiale per giugno 2020 relativa alla media di giugno per il periodo 1981-2010. 
Fonte dei dati: ERA5.

A livello globale, le temperature dello scorso mese sono state di 0,53 ° C più calde rispetto alla media di giugno del 1981-2010.

L’ Artico siberiano ha registrato l’anomalia termica più marcata.

In Europa, le temperature sono state molto al di sopra della media nel nord ma al di sotto della media nel sud, legando complessivamente come il secondo giugno europeo più caldo.

Il mese di giugno nel suo insieme è stato:

  • 0,53 ° C più caldo della media di giugno dal 1981-2010;
  • meno di uno 0,01 ° C più freddo rispetto al giugno 2019, il giugno più caldo in questo record di dati;
  • più caldo di 0,1 ° C rispetto a giugno 2016, il terzo giugno più caldo.

Fonte : Copernicus ECMWF

A cura di Centra Massimo