MASSE D’ARIA di NATURA DIVERSA, OSTACOLI e VANTAGGI NEI LORO MOVIMENTI.🥵

A cura di Lorenzo Colangelo, Davide Casotti, Andri Thana.
MASSE D’ARIA di NATURA DIVERSA, OSTACOLI e VANTAGGI NEI LORO MOVIMENTI.🥵🥶🏔🏞
Perchè quando all’orizzonte si presenta la possibilità di un’avvezione fredda diretta verso il mediterraneo, spesso tutto viene ridotto, spostato più ad est o addirittura cancellato?
Perchè invece quando sussiste, a medio termine, la possibilità di una rimonta anticiclonica la previsione il più delle volte risulta corretta?

Provenienza, orografia, movimento e caratteristiche delle masse d’aria, sono i principali parametri che ostacolano o agevolano un’avvenzione da un luogo ad
un altro.


Un promontorio di alta pressione presente alle alte quote avrà sicuramente meno ostacoli di un campo di bassa pressione che viaggia alle quote più basse. L’attrito radente con la superficie, lo sbarramento orografico ecc, saranno tranquillamente superati da un campo di alta pressione dato che queste strutture, nel mediterraneo, provengono dai quadranti occidentali e meridionali dove non sono presenti particolari ostacoli.

Diversa la faccenda per un’avvenzione di aria fredda meridiana o anti zonale *(movimento opposto a quello naturale della terra) che partendo dalle zone artiche o continentali, incontra lungo il suo tragitto diversi ostacoli orografici come le catene montuose o alcune resistenze di natura barica presenti a ovest che ne impediscono o deviano lo scorrimento verso occidente e mediterraneo.
Detto ciò possiamo tranquillamente dire che per una previsione a medio termine, riferita a situazioni perturbate Atlantiche occidentali, esiste sempre una buona attendibilità, questa è dovuta al naturale movimento zonale della massa d’aria (da ovest verso est) e da la quasi assenza di ostacoli orografici. Diverso il discorso per le masse d’aria gelida che, insieme ai motivi sopra elencati, hanno la caratteristica di essere molto dense, (l’aria fredda è pesante) quindi, per legge fisica, scorrono in prossimità del suolo subendo molti più attriti delle masse d’aria calda meno dense e pesanti le quali viaggiano ad alte quote, lontano da qualsiasi ostacolo.
In sintesi le avvenzioni fredde artiche e continentali sono molto più difficili da inquadrare di quelle atlantiche occidentali e degli anticicloni subtropicali, ragion per cui spesso vengono ritrattate dai modelli.🤷🏼‍♂️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *