🤷🏼‍♂️I MODELLI NON HANNO SBAGLIATO🤷🏼‍♂️

A cura di Lorenzo Colangelo, Davide Casotti
e Andri Thana.
🤷🏼‍♂️I MODELLI NON HANNO SBAGLIATO🤷🏼‍♂️
Molti giorni fa i principali centri di calcolo (ECMWF, GFS, UKMO) avevano intravisto un calo termico nel lungo termine che avrebbe interessato con discreta possibilità anche il nostro paese. La previsione a lungo termine può essere identificata come una piramide, larga alla base, dove il segnale dominante per un cambiamento viene visto e riportato in maniera grossolana. All’avvicinarsi dell’evento la piramide si stringe e i dati in possesso pian piano riescono ad essere più delineati. Naturalmente questo processo implica, per forza maggiore, delle variazioni anche considerevoli sulla previsione iniziale.


Tornando al discorso iniziale, abbiamo visto che mano a mano che ci si avvicinava all’evento, (questo del 16 17 gennaio) i modelli hanno iniziato a decifrare meglio la situazione e a causa di una corrente a getto più tesa si sono venuti a creare i presupposti per una traslazione della massa d’aria artico-continentale più verso est. I modelli di fatto non hanno sbagliato, anzi, hanno anticipato di molto i tempi che di solito ci troviamo a fronteggiare quando analizziamo sinottiche di questo tipo e in particolar modo in casi di avvezioni fredde.
I “global models” hanno scovato molto presto la possibilità che una colata fredda ci investisse, questa è una realtà documentata, ed infatti, seppur in maniera ridimensionata, sarà così. Come detto, nel corso del tempo le cose sono un po’ cambiate a discapito del nostro paese ma la modellistica e i previsori che si occupano di interpretare le interazioni tra le varie dinamiche atmosferiche… non hanno perso affatto! Magari qualcuno (alcuni siti meteo) ha esagerato con l’evento per avere i soliti click di consenso ma la modellistica “in questo caso” non ha sbagliato.


Una previsione a oltre 10 giorni è infatti un’ipotesi, a 7 è una tendenza e solo a 2- 3 giorni è una corposa probabilità (ma non ancora una certezza). Siete voi a dover essere scaltri nel discernere il previsore equilibrato da chi invece non lo è affatto, evitando magari di far di tutt’erba un solo fascio.
Vediamo se nei prossimi giorni l’inverno ci riserverà altre sorprese.
Buona giornata.

http://www.amazon.it/amazonprime?tag=websitemeteo-21

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *