L’ ANTICICLONE A OMEGA COS’È E PERCHÉ PERSISTE.

A cura di Lorenzo Colangelo, Andri Thana Alessio Macerola e Davide Casotti.

L’ANTICICLONE a OMEGA COS’È
e PERCHÉ PERSISTE.

L’ anticiclone a omega è semplicemente un’ area di alta pressione situata in mezzo a due aree di bassa pressione.(BASSA-ALTA-BASSA)
I due centri di bassa pressione situati ai lati hanno il compito di bloccare l’anticiclone facendolo stazionare per molto tempo in una determinata ed estesa zona, anche per settimane.


CAUSA
Quando le correnti occidentali➡️ delle medie latitudini iniziano ad ondeggiare (cioè iniziano gradualmente a scendere e salire⤵️⤴️) possono arrivare ad uno stato
di equilibrio tra di loro. Di conseguenza
le stesse rallentano ed iniziano gradualmente a gonfiarsi disponendosi sempre più lungo i meridiani,⬇️⬆️creando una saccatura di bassa pressione li dove agisce il cavo d’onda e un’ alta pressione identificabile con il promontorio (cresta d’onda)

Il disegno sinottico a larga scala che viene a formarsi (bassa P/ alta P/ bassa P = blocco) è causa di avverse condizioni meteorologiche in corrispondenza dei due centri di bassa pressione presenti ai lati, mentre nel caso la struttura anticiclonica situata al centro si presentasse particolarmente ampia e robusta, soprattutto a causa del continuo scambio di energia tra le diverse figure bariche ed ulteriore rinforzo dell’anticiclone, questa durerebbe molto più di un’ area di alta pressione non soggetta a blocco.

In SINTESI possiamo identificare un anticiclone a omega come un area di alta pressione bloccata ed alimentata da due centri di bassa pressione confinati ai lati, in grado di stazionare in un ampia zona per molto tempo e responsabile di ondate di calore nei mesi estivi e di un blocco della dinamicità atmosferica nei mesi autunnali/ invernali.

Carte composte dal gruppo. 🧐

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *