PEGGIORAMENTO AL NORD…SCALDATA AL SUD

Buongiorno amici lettori.

Ci attingiamo a vivere un nuovo forte peggioramento del tempo di stampo autunnale. Dopo aver archiviato il maltempo degli ultimi giorni, ma soprattutto il calo termico davvero netto che abbiamo subito, le condizioni del tempo sono in miglioramento grazie all’espansione dell’Alta pressione da ovest. I cieli nei prossimi giorni almeno fino a metà settimana si manterranno tutto sommato soleggiati o al più poco nuvolosi, con un clima freddo di mattina e abbastanza mite durante le ore centrali della giornata.

FORTE PEGGIORAMENTO DA VENERDI’

Le ultime proiezioni dei modelli matematici, lasciano intravedere un possibile nuovo attacco delle correnti atlantiche nel Mediterraneo. Infatti si andrebbe ad approfondire proprio sull’Europa centrale un profondo minimi ciclonico capace di pilotare impulsi instabili sui nostri mari. A risentirne maggiormente saranno ancora una volta le regioni Settentrionali e le Centrali tirreniche, più esposte alle circolazioni atlantiche, con piogge che ad oggi risulterebbero veramente intense tra Valle d’Aosta, Piemonte settentrionale, Veneto, Liguria, Friuli, Pianura Padana, Toscana; con rischio di qualche episodio alluvionale (ovviamente da confermare) tutto seguito da un nuovo abbassamento termico.

Se il Nord e buona parte del Centro Italia saranno alle prese con il forte maltempo, al Sud ritornerà l’Estate se pur momentanea. Infatti il profondo minimo che si scaverà tra Spagna, Francia e Nord-Italia, richiamerà a sé aria relativamente calda si origine Nord-Africana, ed essa investirà le regioni meridionali, risalendo dall’Africa sotto forma di forti venti di scirocco. Non si escludono che nella fase più intensa si possono raggiungere punte anche di 27/30°C, specialmente in Puglia, Sicilia e Calabria. Tutto questo dovrebbe avvenire intorno al weekend, con la colonnina di mercurio che andrebbe abbondantemente oltre le medie stagionali per almeno 2 giorni, per poi assistere ad un calo termico, seguito da locali precipitazioni concentrate maggiormente sul lato tirrenico, mentre le adriatiche ancora una volta potrebbero rimanere all’asciutto.

https://www.meteociel.fr/

Per concludere, l’autunno vuole giocare duro al Nord e questa nuova fase di maltempo potrebbe veramente creare seri problemi idrologici al settentrione dove i modelli vedono precipitazioni molto abbondanti. Massima attenzione ai prossimi aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *