ESTATE KO… SPAZIO ALLE PIOGGE E A UN CALO TERMICO

A cura di Francesco Cazzolla

La situazione sinottica al livello nazionale vede un campo altapressorio molto invadente, che protegge la nostra penisola dalle perturbazioni atlantiche. Esso però non è abbastanza intenso a scongiurare l’infiltrazioni di aria fresca in quota, dettate anche da un calo dei gpt a 500Hpa. Questo determina la formazioni di temporali a ridosso delle principali catene montuose che visto l’avanzare delle stazione ormai prossima al suo termine, riescono a spingersi anche nelle pianure/coste adiacenti, favorito il lato adriatico.

Nella giornata di oggi e fino a Mercoledì la situazione rimarrà immutata, infiltrazioni che man mano diventeranno sempre più determinanti a invadere il Mediterraneo Centrale. Ci aspettiamo un calo delle temperature durante la fase temporalesca, ma al livello italiano non dovremmo registrare alcuna variazione degna di nota specialmente le massime che risultano essere ancora troppo elevate per il periodo.

Da Giovedì l’Estate subirà un duro colpo, infatti i grandi centri di calcolo, ormai, danno per certa l’entrata di un impulso abbastanza intenso dal Nord Europa che raggiungerebbe il bacino del Mediterraneo, arrecando forte instabilità e riportando le vere piogge ben organizzate. Situazione da tenere in costante aggiornamento, infatti il maltempo ormai prossimo alle porte colpirà con molta probabilità maggiormente il Centro-Nord, soprattutto il lato tirrenico, con piogge e temporali anche intensi. Il Sud invece, potrebbe almeno inizialmente, essere interessato da un onda mobile calda richiamata appunto dalla discesa del vortice instabile. Se questo accadrebbe le temperature subirebbero un aumento consistente per poi calare vertiginosamente, portandosi addirittura sotto le medie stagionali.

http://www.meteociel.fr/

Questo peggioramento darà un duro colpo all’Estate 2020, ma i modelli matematici sono propensi a farci vivere ancora qualche altro giorno in compagnia dell’anticiclone sullo scacchiere italiano dopo questo peggioramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *