Articolo previsionale 18/09/2020.

Piemonte-VDA-Lombardia-Triveneto.

Buonasera a tutti! Nella giornata odierna l’alta pressione è presente nelle nostre regioni con bel tempo prevalente. Tuttavia ad ovest (verso la Penisola Iberica) è presente un’isolata area depressionaria che nelle prossime ore tenderà lentamente ad avvicinarsi alle nostre regioni e a dare fastidio all’alta pressione che inizierà ad indebolirsi. Nella giornata di domani assisteremo quindi ai primi segnali di questo avvicinamento.

Entriamo nei dettagli per domani. La giornata trascorrerà con tempo generalmente buono seppur avremo a che fare con più nubi in transito, generalmente irregolari e alternate ad aperture ma anche insistenti/compatte sulle Alpi occidentali. Qualche rovescio o locale temporale sarà possibile sulle Alpi occidentali (ovest Valle d’Aosta e ovest Piemonte), specie nel pomeriggio/sera ma sul Piemonte occidentale qualche piovasco sarà possibile già al mattino. Temperature in lieve calo e massime comprese in genere tra 25-27°C alle basse quote; in montagna massime sui 18-20°C a quote medie.

Domenica l’ulteriore avvicinamento della depressione da ovest causerà più rovesci e temporali irregolari nelle ore pomeridiane-serali sulle Alpi con il coinvolgimento anche delle Prealpi e dell’Appennino. Tra sera e notte su lunedì sarà possibile qualche locale fenomeno anche sulla pianura Piemontese-Lombarda. Più instabilità la avremo poi nella prima parte di settimana prossima quando dall’area depressionaria presente verso la Penisola Iberica, e che verrà agganciata dal flusso Atlantico, si dipartiranno dei fronti instabili. Occasione per rovesci e temporali a più riprese sui rilievi ma con il coinvolgimento irregolare anche della pianura. Da valutare poi nella seconda parte della settimana un insidioso vortice di bassa pressione che potrà interessare l’Europa centro-settentrionale e causare maltempo talora anche intenso anche sulle nostre regioni. Il tutto accompagnato da un netto calo delle temperature. Ovviamente i dettagli sono ancora da valutare, ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *