Articolo previsionale 13/09/2020.

Piemonte-VDA-Lombardia-Triveneto.

Buonasera a tutti! Nella giornata odierna l’anticiclone si è ulteriormente rinforzato sulle nostre regioni. A causa di una depressione presente in Atlantico è presente anche un contributo caldo dal nord Africa. Prosegue dunque l’estate settembrina con sole prevalente e temperature pomeridiane sì calde ma senza eccessi.

Situazione meteo lunedì 14/09.

Vediamo insieme cosa ci aspetta invece per la giornata di domani. Poco da dire….il forte anticiclone insisterà e avremo un nuovo giorno di bel tempo un pó ovunque e cielo dunque in prevalenza sereno, al più qualche addensamento irregolare a ridosso dei rilievi e stratificazioni irregolari in arrivo tra pomeriggio e sera su ovest Veneto, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta. Temperature massime comprese in genere tra 29-31°C alle basse quote ma con qualche punta di 32°C possibile sulla bassa pianura specie Lombarda e Veneta occidentale; mite gradevole in montagna, intorno ai 22°C a quote medie.

Martedì avremo ancora forte alta pressione con annesso contributo Africano e temperature sempre estive. Tempo che dunque proseguirà stabile e soleggiato ovunque. Possibile lieve indebolimento dell’alta pressione a partire da mercoledì ma almeno fino a sabato non pare che il tempo possa cambiare di molto sulle nostre regioni. Avremo infatti un’alta pressione che, seppur non più molto forte, insisterà con tanto di contributo Africano e sarà bloccata tra una depressione isolata presente ad ovest della Penisola Iberica (è lei la causa del contributo caldo dal nord Africa) e una bassa pressione presente a NE. Tra mercoledì e giovedì lievi infiltrazioni instabili potranno causare qualche rovescio o temporale tra Alpi e Prealpi specie nelle ore pomeridiane-serali ma si tratterà di fenomeni irregolari. Successivamente bisognerà tenere d’occhio la depressione presente ad ovest in quanto nel weekend potrà spostarsi verso NE e venire agganciata dal flusso Atlantico. Da domenica potrà dare fastidio all’alta pressione e causare qualche disturbo sulle nostre regioni. Seguiremo l’evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *