Articolo previsionale 04/09/2020.

Piemonte-VDA-Lombardia-Triveneto.

Buonasera a tutti! L’alta pressione di matrice Azzorriana è ben presente sulle nostre regioni e sta garantendo una giornata odierna soleggiata ovunque e con temperature generalmente gradevoli. Essa insisterà anche domani anche se nel corso della giornata inizierà lievemente ad indebolirsi. Non avremo un netto cambiamento del tempo ma su alcune zone potremo iniziare ad avvertire qualche leggero disturbo.

Situazione meteo sabato 05/09.

Andando a vedere nel dettaglio cosa ci aspetta per la giornata di domani. Giornata con bel tempo prevalente e cielo generalmente sereno o poco nuvoloso. Faranno eccezione tuttavia possibili addensamenti cumuliformi sui rilievi specie tra pomeriggio e sera sulle Alpi. Proprio tra pomeriggio e sera a ridosso dei rilievi Alpini dal nord Piemonte verso est sarà possibile lo sviluppo di qualche isolato piovasco o breve temporale in occasionale estensione alle Prealpi tra nord Piemonte e NO Lombardia. Temperature in leggero rialzo con massime comprese tra 27-30°C alle basse quote. Fresco in montagna.

Nella giornata di domenica ulteriore cedimento dell’alta pressione. Una depressione Atlantica invierà infatti un fronte instabile responsabile di rovesci e temporali che interesseranno tra pomeriggio e sera i settori Alpini e Prealpini ma con possibile locale coinvolgimento delle aree di pianura adiacenti, tra sera e inizio notte successiva anche del resto della pianura Piemontese e Lombarda più occidentale. Ad inizio settimana l’area depressionaria andrà a isolarsi nel Mediterraneo e causerà maltempo nella giornata di lunedì sulle nostre regioni con precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale in diffusione nel corso della giornata ad oggi un pó su tutte le zone ma con dettagli precisi ancora da valutare (analizzeremo meglio nei prossimi aggiornamenti). La depressione isolata nel Mediterraneo potrebbe poi dare un pó di fastidio anche nel proseguo della prossima settimana ma tutto dipenderà dalla sua esatta traiettoria, seguiremo l’evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *