Aggiornamento meteo nord Italia 11/08/2020.

A cura di Flavio Milani.

Buongiorno a tutti! L’alta pressione di matrice Africana è ben presente sulle nostre regioni. Tempo dunque in prevalenza soleggiato e anche caldo. Da segnalare tuttavia la possibilità di qualche temporale di calore nelle prossime ore a causa di lievi infitrazioni instabili, un pó come avvenuto nel pomeriggio/sera di ieri. Già stamattina si nota qualche disturbo nuvoloso su rilievi e aree limitrofe ma si tratta di nubi innocue.

Situazione meteo 11/08.

Entriamo nei dettagli per le prossime ore. Tempo tutto sommato buono. Addensamenti saranno tuttavia possibili su rilievi e aree limitrofe. Tra pomeriggio e sera l’attività cumuliforme potrà dar vita a rovesci sparsi e temporali anche intensi sui rilievi Alpini e Prealpini in locale sconfinamento serale alle pedemontane Piemontesi e Lombarde occidentali e alla pianura Veneta-Friulana (fenomeni di difficile localizzazione precisa); qualche isolato piovasco o temporale sarà possibile nel pomeriggio anche in Appennino con occasionali sconfinamenti alle aree di pianura adiacenti. Temperature calde con punte massime alle basse quote comprese in genere tra 32-34°C (qualche punta di 35-36°C sulla bassa pianura centro-occidentale), fino ai 24-25°C in montagna a media quota.

Nei prossimi giorni e dunque nel proseguo della settimana, le nostre regioni si troveanno contese tra alta pressione Africana e infiltrazioni instabili Atlantiche. Ne conseguirà un tempo non del tutto brutto ma nemmeno del tutto stabile e soleggiato. In un contesto discreto e alle basse quote ancora caldo, avremo un pó tutti i giorni la possibilità di rovesci e temporali sparsi specie nelle ore pomeridiane-serali (giovedì probabilmente possibili già al mattino) sui rilievi ma con possibili sconfinamenti alle aree di pianura tra le ore serali e notturne specie domani e giovedì tra Piemonte e Lombardia mentre venerdì un pó su tutta la pianura a nord del Po. La giornata di Ferragosto potrà trascorrere quindi con qualche disturbo in particolare sui rilievi, ad oggi basso il rischio di fenomeni altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *