NUOVA FIAMMATA CALDA A RIDOSSO DEL FERRAGOSTO? ROTURA ESTIVA RIMANDATA ALL’ULTIMA DECADE…

A cura di Francesco Cazzolla

Buona Domenica ai nostri amici lettori che ci seguono in tanti e cresciamo insieme giorno dopo giorno.

La goccia fredda lascia spazio ormai all’Anticiclone che da Ovest spinge con forza, allontanandola dalla nostra Penisola ormai indebolita. Dopo svariati gironi con temperature in media o leggermente sotto media per quanto riguarda il Sud Italia, la colonnina di mercurio è ritornata a salire verso su, complice un maggiore soleggiamento, anche se non sono mancati nella giornata odierna locali temporali lungo le catene montuose.

Ci attende un inizio settimana stabile e soleggiato, grazie al rinforzo dell’Alta pressione, che garantirà un aumento termico, specialmente al Nord-Ovest e sulle zone Tirreniche con valori prossimi anche ai 33°C o poco oltre. Comunque nulla di eccezionale con caldo sopportabile e secco.
Attenzione da metà settimana, quando è visto riaffacciassi sull’Italia nuovamente l’Anticiclone Africano, al Sud e sulle Isole Maggiori, propagandosi fino a raggiungere i Balcani. Le temperature potrebbero raggiungere valori vicini ai 35-37°C nelle zone interne, con apice del caldo atteso proprio nel weekend di Ferragosto, per poi subire una piccola battuta d’arresto. Meglio al Nord con la colonnina di mercurio che si manterebbe di qualche grado in meno.

Temperature a 1500 m s.l.m.
http://www.meteociel.fr/

Si parla di un duro colpo all’Estate subito dopo il 15 Agosto, ad opera delle perturbazioni Nord-Atlantiche che si getterebbero nel cuore del Mediterraneo e sull’Italia. Possiamo ipotizzare, vista l’ultima corsa dei modelli matematici, che la rottura della bella stagione possa spostarsi all’ultima decade del mese, concedendo all’Anticiclone ancora 7 giorni di vita, se pur in un contesto non troppo caldo e afoso, ma la tipica Estate italiana.

Situazione che monitoreremo costantemente, ai prossimi appuntamenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *