🥶ANTARTIDE🥶 IL LUOGO PIÙ FREDDO DEL MONDO SCOPRIAMOLO INSIEME

A cura di Lorenzo Colangelo, Alessio Macerola Davide Casotti.


🌎GEOGRAFIA🌍
L’Antartide è il quarto continente per estensione, ed è anche quello con la media altimetrica più alta (questo è dovuto anche allo spessore dei ghiacciai che supera i 2500m in media, tant’è vero che contando dalla base rocciosa sarebbe il più basso) ed ha numerose montagne, di cui la più alta è il massiccio Vinson 4897m, e anche vulcani (monte Sidley 4182m). Come detto in precedenza la calotta polare raggiunge altezze considerevoli, arrivando nella terra di Adelia ai 4776m in corrispondenza di una depressione.
In Antartide sono presenti anche dei laghi, ovviamente tutti sotto il ghiaccio. Il più grande di questi è il vostok, dove sembra siano presenti anche dei microbi.
È presente una grande penisola, la penisola antartica che si prolunga verso la terra del fuoco (Argentina).
Sono presenti numerose isole, in particolare nei pressi della penisola antartica. Le isole vengono divise in antartiche, vicine al continente e sempre intrappolate nel ghiaccio, e in sub-antartiche più lontane e unite alla banchisa solo in inverno.


🖋 STORIA🖋
Fin dall’antichità si era pensato all’esistenza di una Terra australis, con lo scopo di “equilibrare” le terre a nord e a sud dell’equatore. In ogni caso il primo avvistamento del continente avvenne nel 1820 da una spedizione russa, ma già Cook nel 1773 aveva superato il circolo polare antartico, ma fu costretto a tornare indietro a causa dei ghiacci. La prima spedizione che riuscì a scalare l’erebus e ad arrivare vicino al polo sud magnetico fu quella di Nimrod, nel 1907. Famosa la spedizione di Scott, che arrivò al polo sud magnetico ma nessuno dei partecipanti sopravvisse. Nel 1989 Arved Fuchs e Reinhold Messner furono i primi ad arrivare al polo sud senza l’uso di mezzi con l’ausilio di soltanto sci e vele spinte dal vento.
❄CLIMA❄
L’Antartide viene diviso in 4 zone :
Zona fredda di transizione (temperatura media tra i -25 e i -40)
Zona fredda catabatica (temperatura media tra i – 30 e i -40)
Zona interiore fredda (temperatura media tra i – 40 e i -50)
Nucleo centrale freddo (temperatura media sotto i -50)
Buona parte del continente presenta un clima continentale dovuto alla lontananza dal mare. Una caratteristica di questo continente è la presenza del kernlose winter. In pratica in Antartide durante l’inverno le temperature medie dei mesi variano poco, e quindi è possibile registrare dei record in qualsiasi mese del periodo freddo. L’unica altra zona del mondo dove avviene sono le aree centrali della Groenlandia.
Le temperature più basse si raggiungono nell’altopiano antartico, per via dell’altitudine (intorno ai 4.000m) la lontananza dal mare e la vicinanza al polo sud. Le temperature più alte invece sulle coste e nella penisola antartica (dove la media annua è intorno ai -5 gradi). Negli ultimi anni assistiamo ad un cambiamento del clima. Infatti sembra quasi che il clima si stia estremizzando, visto che in estate arriviamo a 20 gradi (cosa prima mai accaduta) ma in inverno le temperature sono più basse degli anni precedenti (nel 2018 fu registrato il record, -98 gradi).
Per quanto riguarda le precipitazioni il massimo si raggiunge sull’isola di re Giorgio (991mm) ed un minimo a vostok (0,2mm). Infatti tutto l’altopiano antartico è un deserto freddo, questo per via della lontananza dal mare e la conseguente scarsa umidità.
Un’ altra caratteristica sono i venti catabatici. Questi si formano per via della densità dell’aria fredda presente sull’altopiano, che tende ad andare verso le coste. Questi venti sono paragonabili a quelli degli uragani per quanto riguarda la forza.
È stato notato che rispetto al 1994 l’estensione dei ghiacciai è aumentata, di circa 0,6 milioni di km quadri e addirittura rispetto al 1974 di 1,8 milioni, anche se in alcuni anni la tendenza si è invertita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *