In Europa, la primavera 2020 è stata complessivamente più calda di 0,7 °C nonostante un mese di maggio più freddo della media.

Anomalia della temperatura dell’aria superficiale per maggio 2020 relativa alla media di maggio per il periodo 1981-2010. 
Fonte dei dati: ERA5. 
Credito: Copernicus Climate Change Service /

Secondo Copernicus che è il rivoluzionario programma di osservazione e monitoraggio della Terra dell’Unione europea, dedicato a scrutare il nostro pianeta e il suo ambiente a beneficio di tutti i cittadini europei, la primavera di questo 2020 a livello globale è risultata più calda rispetto ai valori medi di riferimento.

In tutto l’emisfero boreale, la primavera 2020 è stata caratterizzata da temperature mediamente superiori alla norma.

In Siberia si è verificata l’anomalia più significativa con quasi 10°C al di sopra della media del 1981-2010 sui tratti inferiori dei fiumi Ob e Yenisei nel nord-ovest della regione.

Sebbene il mese maggio sia stato più freddo della media per l’Europa, la primavera è stata di +0,7°C sopra la media.

Fonte: Copernicus

A cura di Centra Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *